Seguici su

Cerca nel sito

Regione, al via la spending review per consiglieri e assessori

E’ stato esaminato l’articolo 1 che detta disposizioni in materia di trattamento economico di consiglieri e assessori regionali e ne fissa i tetti massimi (11.100 euro lordi)

Più informazioni su

Il Faro on line – Indennità di carica e di funzione di consiglieri e assessori, divieto di cumulo e rimborsi spese per le missioni. Questi gli argomenti discussi oggi dalla IV commissione Bilancio, partecipazione, demanio e patrimonio, programmazione economico-finanziaria, presieduta da Mauro Buschini (Pd). La commissione è al lavoro sulla proposta di legge regionale n. 9/2013, concernente disposizioni in materia di riduzione dei costi della politica e di razionalizzazione della macchina amministrativa regionale. Presentati duecentosei emendamenti e un sub emendamento. Nella riunione odierna sono stati discussi e approvati tre articoli sui trentasei del provvedimento. Presente l’assessore al Bilancio, patrimonio e demanio, Alessandra Sartore, è stato esaminato l’articolo 1 che detta disposizioni in materia di trattamento economico di consiglieri e assessori regionali e ne fissa i tetti massimi (11.100 euro lordi), nonché quelli spettanti ai presidenti della Regione e del Consiglio regionale (13.800 euro), recependo così quanto deliberato dalla Conferenza Stato-Regioni lo scorso 6 dicembre.

Il voto sull’articolo 1 è stato rinviato, in attesa di ulteriori approfondimenti, in particolare su una norma ivi contenuta che consente a consiglieri e assessori di devolvere alla Regione una percentuale delle indennità loro spettanti, fino al limite dell’intera somma. La commissione è poi passata a esaminare e approvare l’articolo 2, sull’assegno di fine mandato, e il 3 che sancisce il divieto di cumulo delle indennità o emolumenti derivanti da più cariche e che così recita al comma 1: “Il titolare è tenuto a optare, fin che dura la situazione di cumulo potenziale, per uno solo degli emolumenti o indennità entro dieci giorni dall’assunzione dell’incarico più recente.”. Con un emendamento della consigliera Valentina Corrado (M5s), approvato all’unanimità, sono inasprite le sanzioni per chi non adempie all’obbligo d’informare il presidente del Consiglio regionale sull’eventuale cumulo degli incarichi. Con l’articolo 4, approvato a maggioranza, sono fissate regole stringenti sui rimborsi spese per missioni. Soddisfatto dell’andamento dei lavori, che riprenderanno domani, mercoledì 15 maggio alle ore 10,00, il presidente Buschini.

“Siamo entrati nel vivo dell’articolato –ha dichiarato Buschini a conclusione della riunione – Il lavoro prosegue bene, in un clima sereno di condivisione. Esaminare a fondo il provvedimento in commissione – ha concluso – significa velocizzare il lavoro in Aula”. Oltre al presidente Buschini e all’assessore Sartore, hanno partecipato alla seduta i vicepresidenti Simone Lupi (Pd) e Pietro Di Paolantonio (Pdl), e i componenti della commissione Michele Baldi (Lista Zingaretti), Riccardo Agostini (Pd, in sostituzione di Ciarla), Valentina Corrado (M5s), Gino De Paolis (Sel), Pietro Sbardella (Lista Bongiorno, in sostituzione di Fardelli), Luca Gramazio (Pdl), Rosa Giancola (Per il Lazio, in sostituzione di Mitolo), Eugenio Patané (Pd), Giancarlo Righini (Fratelli d’Italia), Francesco Storace (La Destra).

Più informazioni su