Seguici su

Cerca nel sito

Andreoli, arrivano due nuove pedine

Matteo Paris: “Si è realizzato un sogno, ancora non realizzo di essere in A1"

Più informazioni su

Il Faro on line – Ancora non si spegne l’eco della finale scudetto vinta da Trento su Piacenza domenica scorsa, che l’Andreoli mette a segno altri due colpi di mercato. Non si perde tempo a Latina e si completano altri due i ruoli dello scacchiere che comporrà la prossima stagione. Alla corte di Roberto Santilli arrivano il palleggiatore Matteo Paris e il centrale Davide Candellaro. Il primo si affiancherà a capitan Daniele Sottile nella regia della squadra, il secondo si alternerà a Carmelo Gitto e a Pieter Verhees a muro. 
Matteo Paris è di Anguillara Sabazia anche se nasce a Roma il 13 settembre 1983. Cresciuto nella squadra locale con un prestito alla vicina Bracciano si trasferisce nel 2006-07 a Civita Castellana in B2, quindi l’anno successivo esce dalla regione per andare a giocare a Molfetta in B1, un biennio a Gaeta in B2 quindi alla Mymamy Reggio Calabria in B1, nel 2011-12 si accasa ad Atripalda in A2, quindi il trasferimento a Corigliano (con l’ex Fabroni) sempre in A2.
Davide Candellaro nasce a Camposampiero, paesino di 12mila abitanti in provincia di Padova che ha dato i natali a molti pallavolisti, cresce nel Campodarsego, nel 2006-07 il prestito al Trebaseleghe quindi nel 2007-08 entra in Ghirada a far parte del gruppo della Sisley Treviso dove svolge due stagioni. Nel 2009 viene convocato da Gigi Schiavon nella nazionale juniores quindi il passaggio a Taranto in A1 quindi tre stagioni in A2 a Cavriago, Santa Croce e Atripalda.
 
Matteo Paris: “Si è realizzato un sogno, ancora non realizzo di essere in A1, sono felicissimo non vedo l’ora di iniziare. Sono partito dal basso e dopo tanti anni di gavetta arrivo nella massima serie. Tra tutte le stagioni ricordo con piacere le due passate a Gaeta, peccato solo per l’esito dei campionati. Mi aspetto di crescere e imparare moltissimo dai compagni, specialmente da Sottile che stimo, l’obiettivo è quello di migliorami e avere l’occasione di esprimermi ai massimi livelli”. 
 
Davide Candellaro: “contento di approdare in una società così ben strutturata. Vengo da due ottimi anni e spero di continuare la fase di crescita. Mi sembra che tutti gli ingredienti siano perfetti: un’ottima società e il mio approdo in A1, non posso chiedere di più. Di Santilli mi hanno sempre parlato bene, quando è andato ad allenare all’estero io ero ancora nelle giovanili. Ho iniziato molto tardi a praticare la pallavolo, prima ho giocato a calcio e nuoto, poi un amico mi ha convito di provare con il volley. Cosa mi aspetto dall’annata? Sicuramente di crescere, continuare la mia fase di cui per ora sono molto soddisfatto”. 

Più informazioni su