Seguici su

Cerca nel sito

Pisana, il vitalizio ai consiglieri regionali è abolito

Rigore e trasparenza nella PL n. 9/2013 all’esame della IV commissione Bilancio

Più informazioni su

Il Faro on line – La IV commissione Bilancio, partecipazione, demanio e patrimonio, programmazione economico-finanziaria, presieduta da Mauro Buschini (Pd), ha dato parere favorevole all’articolo 7 della proposta di legge regionale n. 9/2013 che conferma l’abolizione del vitalizio, a partire dalla presente legislatura, così come era già stato stabilito dalla finanziaria regionale 2012. Non è passato invece l’emendamento del consigliere Valentina Corrado (M5s), volto ad abolire – fatti salvi i trattamenti in erogazione – anche i vitalizi relativi alle legislature precedenti la cui erogazione non è ancora iniziata, restituendo ai potenziali aventi diritto i contributi versati. Neppure l’emendamento del consigliere Corrado per abolire il vitalizio agli assessori esterni della IX legislatura è passato. Via libera invece all’articolo 8 che stabilisce l’esclusione dall’erogazione del vitalizio per quei titolari dell’assegno macchiatisi di reati contro la pubblica amministrazione che comportano l’interdizione dai pubblici uffici.

Presente l’assessore al Bilancio, patrimonio e demanio, Alessandra Sartore, nel corso della seduta è stato affrontato anche il tema dei fondi ai gruppi consiliari, oggetto di due articoli della PL 9 in materia di riduzione dei costi della politica e di razionalizzazione della macchina amministrativa regionale. In conformità con quanto deliberato dalla Conferenza Stato-Regioni lo scorso 6 dicembre, l’articolo 10 del provvedimento stabilisce che l’importo da erogare a ciascun gruppo sarà costituito da una quota pari a cinque mila euro per ciascun consigliere e da una quota determinata in base al numero di abitanti del Lazio. Particolarmente rigorosa la rendicontazione che i gruppi consiliari dovranno predisporre secondo un modello pensato dal governo nazionale per tutte le regioni, “volto ad assicurare la corretta rilevazione dei fatti di gestione e la regolare tenuta della contabilità, nonché per definire la documentazione necessaria a corredo del rendiconto”, come recita l’articolo 11 della PL 9.

Entro quarantacinque giorni dalla fine dell’esercizio finanziario, ciascun gruppo dovrà inviare il proprio rendiconto al presidente del Consiglio regionale il quale lo invierà al presidente della Regione. Sarà quest’ultimo a curare l’inoltro alla competente sezione regionale di controllo della Corte dei conti, così come stabilito dalla normativa nazionale (dl 174/2012 convertito con modificazioni dalla legge 213/2012). In caso di irregolarità nella rendicontazione, il gruppo consiliare decadrà dal diritto all’erogazione dei contributi con l’obbligo di restituzione delle somme ricevute (articolo 12 della PL 9). Nel corso della seduta odierna, la IV commissione ha dato parere favorevole anche alle disposizioni della PL 9 in materia di assegno in caso di sospensione del consigliere regionale (art. 5), di pubblicità e trasparenza dello stato patrimoniale di consiglieri, assessori e componenti di organi amministrativi di enti pubblici dipendenti e società regionali (art. 6), di stato giuridico degli assessori non consiglieri (art. 9).

La seduta è stata aggiornata a martedì 21 maggio alle ore 10,00, per proseguire l’esame della PL 9, e non a lunedì 20, come era stato precedentemente stabilito. Oltre al presidente Buschini e all’assessore Sartore, hanno partecipato alla seduta i vicepresidenti Simone Lupi (Pd) e Pietro Di Paolantonio (Pdl), e i componenti della commissione Cristian Carrara (Per il Lazio), Valentina Corrado (M5s), Gino De Paolis (Sel), Marino Fardelli (Lista Bongiorno), Luca Gramazio (Pdl), Daniele Mitolo (Per il Lazio), Eugenio Patané (Pd), Giancarlo Righini (Fratelli d’Italia), Francesco Storace (La Destra), Marco Vincenzi (Pd, in sostituzione di Ciarla).

Più informazioni su