Seguici su

Cerca nel sito

Rissa tra stranieri alle Salzare, sul posto le forze dell’ordine

Si riaccendono le polemiche. Cittadini sul piede di guerra: "Luogo pericoloso bisogna intervenire"

Più informazioni su

Il Faro on line – Ennesima rissa nel complesso immobiliare delle Salzare dove gruppi  di occupanti abusivi, che da anni abitano il tristemente noto complesso immobiliare ribattezzato la “Pantanella” rutula, hanno innescato una furibonda rissa. Sul posto sono prontamente giunti i locali carabinieri e le radiomobili di Anzio coordinati dal capitano Ugo Floccher comandante la compagnia di Anzio e alcune auto della polizia di Stato del commissariato di Anzio. I contendenti udito il suono delle sirene dei militi si sono dileguati. A nulla fino ad ora sono valsi gli accertamenti iniziati subito dopo per individuare quanti e per quale motivo avevano preso parte alla rissa. 

Ricordiamo che ci troviamo in un complesso dove l’omertà è divenuta ormai una regola di vita, un quartiere abbandonato al degrado e spesso usato spesso come magazzino per la refurtiva e la droga come dimostrano le ultime azioni dei carabinieri che portarono con un blitz al sequestro di diversi chili di droga e all’arresto di ventitre persone tutti stranieri in prevalenza del nord Africa.

Non passa giorno, infatti, che le forze dell’ordine non siano costrette a intervenire per sedare risse, controllare spacciatori e monitorare eventuali allacci abusivi. Il complesso è situato lungo la via litoranea di fronte al centro residenziale delle Sabbie d’Oro un luogo di villeggiatura sul mare dove spesso i residenti del centro e quelli delle abitazioni attigue sono sconfortati per il degrado che si vede attorno alle loro abitazioni oltre alle difficoltà di convivenza fatti questi che scoraggiano il turismo rendendo sempre più difficile il commercio delle abitazioni e l’affitto fosse solo stagionale di esse. Le indagini delle forze dell’ordine comunque proseguono per arrivare ad assicurare alla giustizia e scoprire anche i motivi che hanno scatenato la rissa.

Luigi Centore

Più informazioni su