Seguici su

Cerca nel sito

Crisi, nel Lazio 7 vittime dall’inizio dell’anno

Il Faro on line - La crisi continua a uccidere, ancora morti suicidi per mancanza di lavoro, debiti o anche solo depressione dovuta, forse, anche alla situazione difficile in cui si vive e alla mancanza di prospettive per il futuro. Un vero e proprio dramma sociale che coinvolge ogni angolo del nostro paese. Roma, ieri un 53enne romano si è cosparso con la benzina e si è dato fuoco. Oggi lotta per sopravvivere in un letto d’ospedale del Sant’Eugenio. Aveva perso il lavoro lo scorso primo aprile, cosa che lo aveva gettato nella disperazione. La speranza è che, nei prossimi giorni, il suo nome non rientri nella lunga lista delle “morti della crisi”, così come le ha definite il Codici. L’associazione ha infatti stilato, in base alle notizie di cronaca, un Osservatorio per testimoniare le numerose morti avvenute per problemi economici e disagi dovuti alla crisi.

Si consideri che dall’inizio dell’anno, in soli 5 mesi, nel Lazio si sono tolte la vita 7 persone, con una sconvolgente media di più di un suicidio al mese. L’insicurezza o la perdita del lavoro, i soldi che mancano, lo stress, il fallimento di un’azienda, un licenziamento, una cassa integrazione, un salario ridotto, per non parlare del costo della vita, sono tutti fattori che colpiscono anche la salute fisica e mentale, portando la persona a trascurarsi, a una cattiva nutrizione, alla depressione, fino al suicidio. Nel contesto odierno di diffusa e profonda crisi che coinvolge tutto il Paese, l’associazione Codici ha promosso la campagna “Sos Debiti! Didenditi da Equitalia” lanciando una Petizione Popolare per la revisione del sistema di riscossione tributi.

"Mai come ora la Petizione si rende necessaria - sottolinea l'associazione Codici - viste anche le continue lamentele di irregolarità ed ingiustizie segnalate dai consumatori. Sempre più spesso le attività e le modalità di riscossione crediti da parte di Equitalia e delle Agenzie di riscossione tributi incidono in maniera importante sulle crescenti difficoltà economiche dei cittadini. Un esempio di tutto ciò è stato raccontato proprio ieri da Spazioconsumatori.tv, che ha presentato la testimonianza di Maria, imprenditrice quarantenne colpita dall’aggressività dei metodi di Equitalia".

Marco Staffiero 

 

Più informazioni su

Più informazioni su