Seguici su

Cerca nel sito

La Nautilus sconfitta dal Casal de’ Pazzi

Nonostante il risultato finale i padroni di casa riescono a mettere in crisi gli sfidanti

Più informazioni su

Il Faro on line – Al Palafonte va in scena la partita che non ti aspetti, una Nautilus splendida mette in crisi la corazzata del Volleyrò sfoderando una prestazione superba che solo la superiorità fisica delle avversarie riesce ad arginare al quarto set.    

Frasca e Grechi orchestrano le proprie ragazze alla perfezione, preparano la partita tatticamente e sorprendono un Volleyrò che per lungo tempo subisce il gioco della Nautilus: correlazione muro-difesa, battute tattiche e di potenza che costringono all’errore la ricezione avversaria, gioco veloce al centro e laterali sempre pronte a pungere solo le armi che le lidensi usano per mettere in difficoltà le quotatissime avversarie.    

Partenza di studio per entrambe le squadre, poi pian piano la partita decolla e la Nautilus dimostra subito che non regalerà nulla: Genna e Provaroni appaiano contratte ma grintose come al solito e crescono pian piano, Cesari e Rocci al centro sono una spina nel fianco avversario, Lozzi e De Lillis entrano subito in partita e il libero Folco dà sicurezza in difesa. Il punteggio vede sempre le due squadre vicine con il Volleyrò che si affida a Zanette e Villani per contrastare il gioco della Nautilus, che invece sfrutta tutti i suoi attaccanti: ma la differenza tra le due squadre la fa Talamazzi che, entrata in battuta, piazza tre ace e condanna la Nautilus.  

Sembra che la squadra di Ostia accusi il colpo, ma subito ricomincia a rispondere colpo su colpo, in difesa non cade più una palla e le attaccanti di riferimento del Volleyrò perdono sicurezze in quanto il muro delle lidensi comincia a far male, Cesari in questo momento fa la differenza: una Frasca comunque immensa in seconda linea e il bravissimo libero Giampietri non riescono più da sole ad arginare battute ed attacchi della Nautilus, Ingratta gira i suoi centrali ma ora le ragazze di Frasca sono padrone del campo e vincono meritatamente il secondo set. 
   
Ora è il Volleyrò ad essere quasi smarrito, Zanette e Villani sono in grande difficoltà, con i centrali avversari ancora latitanti: da parte Nautilus invece tutte le ragazze girano alla grande e accumulano un vantaggio notevole fino al 18-13, ma arriva la reazione Volleyrò che, complice qualche errore evitabile delle lidensi, raggiunge la parità. Il solito cambio in battuta di Talamazzi crea purtroppo ancora grandi problemi nella ricezione Nautilus ed il set va al Volleyrò.   

Nel quarto set la Nautilus sembra aver ormai dato tutto e comincia a subire il gioco avversario, i centrali avversari vengono serviti con più continuità e il gioco più vario ha vita facile su una squadra che comunque fino alla fine e nonostante la differenza di punteggio non abbassa la testa.  

Il Volleyrò vince meritatamente la partita e il titolo regionale in quanto riesce, anche se con difficoltà, a sfruttate la sua maggiore caratura fisica e tecnica, alla Nautilus la certezza di aver disputato una partita bellissima e aver messo in grande difficoltà una squadra costruita per arrivare molto in alto alle finali nazionali di categoria.    

Ora si va a Gorizia a rappresentare il Lazio, obbiettivo dichiarato arrivare tra le prime otto squadre d’Italia: un traguardo enorme anche solo a pensarlo, ma la squadra vista contro il Volleyrò ha dimostrato di saper giocare a pallavolo, in fondo.

Pallavolo Roma Litorale Nautilus – Volleyrò Casal de’ Pazzi    

1 – 3

(21-25, 25-20, 20-25, 14-25)    

Più informazioni su