Seguici su

Cerca nel sito

Gonnelli: “Cuore e sentimento. Grazie a tutti”

Lettera aperta del candidato sindaco del centrodestra a poche ore dal voto

Più informazioni su

Il Faro on line – Dal candidato sindaco del centrodestra, Mauro Gonnelli, riceviamo e pubblichiamo. “Nell’ultimo giorno di questa campagna elettorale faticosa, ma esaltante, dopo mesi di parole e sentimenti, quasi mi mancano le parole per esprimere, a tutti coloro che mi hanno sostenuto, incoraggiato e motivato il mio più grande grazie. Sono emozionato e non mi vergogno di ammettere che sono anche sinceramente commosso, per l’affetto che in molti mi hanno dimostrato. Ho conosciuto persone grandiose e vere che hanno donato parte del loro tempo per starmi vicino. Questa  campagna elettorale ci ha visti protagonisti attivi, attenti ed impegnati sullo scenario politico locale per raggiungere l’obiettivo di aiutare a determinare nuove scelte per un nuovo governo da dare al nostro paese, un governo che sia più forte, più incisivo, più presente, più dinamico, più attento alle esigenze ed ai problemi della gente.

Ringraziamo di vero cuore tutti quanti ci hanno apprezzato nel corso della campagna elettorale che abbiamo preferito condurre con rispetto nei confronti della dignità del cittadino-elettore senza attuare pratiche estorsive o invadenti visite ispettive a domicilio, confidando nella libertà di pensiero e di scelta che nessuno deve vedersi privare in questi momenti. Abbiamo preferito avvicinare la gente con la semplicità che ci appartiene e con l’atteggiamento di chi come noi vive la quotidianità fiumicinese, con senso di attaccamento alle persone e al territorio, certi che il voto di questa competizione non premierà ne gli avventori occasionali e neanche chi vive lontano da Fiumicino. Vorrei riuscire a far comprendere ad ognuno di voi, che siamo stati la squadra con più cuore e sentimento. Noi abbiamo già vinto per lo stile ed il sentimento vero che abbiamo avuto. Grazie, grazie, grazie. Vi prego di rimanere, da oggi all’infinito, sempre tutti uniti”.
Mauro Gonnelli 

Più informazioni su