Seguici su

Cerca nel sito

“I servizi e le politiche di Fiumicino vanno ripensati completamente”

Montino (Pd): "Si attiverà un sistema integrato di sostegno alla genitorialità e si creerà una web radio tra tutti gli istituti scolastici superiori del territorio"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Il disagio allontana le persone dal proprio territorio. Le isola e le lascia sole. Il ruolo dei servizi sociali è quello di trasformare la persona svantaggiata in risorsa per il territorio e viceversa. Questo lo si realizza attraverso un approccio integrato fra i diversi assessorati e questo è ciò che voglio fare io da sindaco”. Lo dichiara il candidato sindaco del centrosinistra al Comune di Fiumicino, Esterino Montino, illustrando i progetti per il sociale inseriti nel suo programma.

“In base anche ai suggerimenti raccolti durante la campagna elettorale – continua Montino – ho intenzione di riformulare strutturalmente i servizi sociali, in particolare abbandonando il tradizionale approccio assistenzialista a favore dell’autonomia della persona, mettendo in campo politiche di prevenzione, pianificando gli interventi in modo integrato e polivalente. Ci deve essere inoltre controllo e trasparenza della spesa sociale e, nell’affidamento dei servizi di assistenza domiciliare ad anziani, disabili e minori ed integrazione scolastica, lo strumento dell’accreditamento è la via maestra. Certo – conclude Montino – tutto questo sarà possibile solo senza quella pesantissima ipoteca per i prossimi cinque anni sull’intero bilancio delle politiche sociali messa in atto dall’Amministrazione Gonnelli-Canapini a fine mandato, con il bando in via di aggiudicazione da sei milioni e mezzo di euro per l’assistenza domiciliare”.

Tra le azioni concrete che il candidato Montino vuole mettere in atto, per quanto riguarda i minori italiani e stranieri si realizzeranno percorsi di integrazione interculturale, centri aggregativi giovanili stabili, si attiverà un sistema integrato di sostegno alla genitorialità e si creerà una web radio tra tutti gli istituti scolastici superiori del territorio. Nell’ambito della povertà e della prostituzione si realizzeranno percorsi di reinserimento attivo, si impiegheranno le famiglie indigenti in attività produttive in linea con le risorse del territorio, si stabilirà un sistema di passaggio intergenerazionale del sapere. Inoltre, si intende utilizzare l’utenza in salute come forza lavoro per il miglioramento del cittadino per la differenziazione dei rifiuti, si realizzerà una mensa sociale impiegando lavoratori svantaggiati, si compieranno azioni di prossimità verso i senza fissa dimora e si interverrà sulla prostituzione con azioni di repressione e interventi volti a reinserire in percorsi di emancipazione sociale le donne coinvolte nello sfruttamento.

“Obiettivi specifici saranno realizzati anche su detenuti ed ex detenuti e sulle persone dipendenti da sostanze (droga, alcol, farmaci). Grande importanza sarà data a bambini, disabili ed anziani. Nel settore della disabilità si partirà inserendo nello Statuto del Comune di Fiumicino i principi della Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità, recepita con legge nazionale del 2009. In generale saranno riviste completamente le politiche messe in atto finora nel Comune di Fiumicino sulla disabilità e il disagio sociale”.

Più informazioni su