Seguici su

Cerca nel sito

“La Tiella, le alici e l’oliva” a Gaeta

Piazza della Libertà sabato 25 e domenica 26 maggio

Più informazioni su

Il Faro on line – Storica X edizione de La Tiella, le alici e l’oliva di Gaeta organizzata dall’Associazione di Promozione Sociale Gaetavola e Comune di Gaeta, che offrirà per due giorni prodotti tipici, cultura, musica e spunti di riscoperta e valorizzazione di antichi sapori e tradizioni, attraverso le preparazioni dal vivo e le degustazioni guidate.

Nata dieci anni fa come una comune sagra dedicata ad un solo prodotto, la tiella, questa manifestazione, è piano piano cresciuta, sia nei contenuti che nelle presenze, fino a divenire la sorella di primavera delle Vie di Gaeta, l’altra decennale manifestazione di Gaetavola, ma con un’anima più fieristica, una vera e propria fiera dell’eccellenza gastronomica di Gaeta e del territorio circostante, un evento che mira ad affermare l’importanza socio-culturale ed economica dei prodotti tipici, volano tra i più attraenti del Sistema Italia.

L’associazione Gaetavola ha iniziato, fin dalla sua nascita, un percorso di valorizzazione e di recupero storico che ha dato, nel corso degli anni, buoni risultati ma soprattutto ha fatto aumentare la consapevolezza sulla possibilità di creare margini di sviluppo territoriale e di marketing intorno a cibi e pietanze che fino a qualche anno prima rischiavano di scomparire. Invece adesso, per fortuna, intorno alla tiella, alle olive ed olio, al vino, alle alici ed alla ristorazione si è creato un interesse che va ben oltre i confini locali, supportato anche dalla qualità dei prodotti e dal cosiddetto Km. Zero.

Questi elementi attirano sempre di più un pubblico non solo di appassionati, ma interessato a scoprire sapori della tradizione ed acquisire una cultura del mangiar bene anche nel quotidiano, incrementando un’economia sana e sostenibile. Con queste considerazioni è nato e si è sviluppato un evento conviviale, di qualità, dove i cibi si accompagnano alla loro storia, tradizione, modalità di preparazione e degustazione; una vetrina per tanti produttori locali e per scoprire ed affinare gusti e sapori. Ma anche occasione per conoscere altre realtà dell’eccellenza gastronomica italiana, che spesso vengono ospitate in questa kermesse.

“Ancora un bell’evento che nasce dal ricco e variegato mondo del volontariato di Gaeta – dichiara il Sindaco di Gaeta Cosmo Mitrano – espressione forte delle nostre radici, delle nostre più antiche tradizioni, che non sono semplicemente gastronomiche, ma rappresentano uno stile di vita, quello dei nostri padri, per la maggior parte lupi di mare. La tiella, oggi regina dello slow food del Golfo, insieme ai i prodotti della nostra terra e del nostro mare, danno vita, grazie a questa manifestazione, ad un connubio vincente che consente al marchio Gaeta di viaggiare al di là dei suoi stretti confini territoriali”.

“L’anno scorso celebravamo il decennale della nostra associazione e delle Vie di Gaeta, oggi anche l’altro nostro evento, la Tiella, compie dieci anni, e come l’anno scorso devo dire che è veramente incredibile, quando abbiamo iniziato non sapevamo dove saremmo arrivati, eravamo mossi da grande amore per la nostra città e per le sue tradizioni gastronomiche e non solo, ma nonostante questo, mai avremmo immaginato tutto questo successo e questa qualità di risultati sia in termini di pubblico, che di recupero e di conoscenza delle tipicità locali. Ritengo personalmente che tutto ciò sia davvero eccezionale considerato sostanzialmente il breve tempo in cui è avvenuto, e che, particolare per nulla trascurabile, Gaetavola è assolutamente un’associazione di volontari, tra i quali nessuno ha attività direttamente collegate all’eno – gastronomia. Oggi con i dieci anni della Tiella il cerchio si chiude, partiamo con questa manifestazione per un nuovo decennio, con lo stesso spirito del primo giorno, tanti amici ci hanno accompagnato in questa avventura, tanti hanno lasciato, tanti sono arrivati, ma sicuramente quell’amore per Gaeta non è cambiato.” Il commento di Cosmo Pesigi Presidente di Gaetavola.

A farla da padrona in questi due giorni sarà senza ogni dubbio la Tiella, che è diventata ormai un prodotto conosciuto e ricercatissimo a livello nazionale, anche grazie all’attività svolta dall’associazione; ma oltre alla tiella si potranno degustare le altre nobili materie prime del luogo come le buonissime alici sotto sale, la salsiccia tipica di Maranola, le famosissime olive di Gaeta, e quest’anno, il noto pane di Altamura e gli altri prodotti da forno tipici dell’Alta Murgia, in Puglia, che contribuiscono ad arricchire l’offerta di questa decima edizione.

Nell’ottica di avvicinare sempre più persone ad un consumo alimentare consapevole, supportato dalla conoscenza delle origini dei cibi, si terranno due Lezioni Assaggio, sull’olio e le olive di Gaeta, sabato 25 dalle 19,30, e sul vino locale, domenica 26 a partire dalle 19,00. Entrambi gli eventi sono chiusi ad un max di 20 partecipanti, sarà possibile prenotarsi presso gli infopoint Gaetavola,  per poter scoprire ad esempio come si assaggia e degusta un olio per stabilirne qualità, i migliori abbinamenti vino tiella e molte altre interessantissime nozioni. Come ogni anno subito dopo l’apertura degli stand degustazioni alle 18,00, La Tiella in diretta a cura delle Massaie di Gaeta, vere e uniche custodi dei segreti dell’antica ricetta, che mostreranno l’arte della stesura della sua sottilissima pasta e le modalità di preparazione dei suoi vari ripieni.

Varia l’offerta musicale sotto la direzione artistica di Antonio Masiello si esibiranno nella sezione Musica da Gustare, il duo Terracciano – Calderone con una scaletta di inediti, sabato 25, e il sax di Antonio Palladino, domenica 26. Il sottofondo delle due serate sarà affidato al Dj Livio Batosi.

Ad accompagnare le varie degustazioni il vino dell’ Az. Agricola Contrada Terra di Lavoro di Tuoro – Loc. Le Monache – Sessa Aurunca (CE), e la birra servita allo stand Bar Triestina per una manifestazione che può ormai essere definita a pieno titolo la vera fiera dei prodotti tipici del basso Lazio.

Più informazioni su