Seguici su

Cerca nel sito

Sit in al deposito mezzi raccolta RSU, interviene l’ambulanza

Freddo e tensione. Un operaio con problemi cardiaci ricoverato al Sant'Anna

Più informazioni su

Il Faro on line – Messo in atto questa mattina alle quattro il sit in annunciato dagli operai della concessionaria comunale per la raccolta dei RSU, ad attenderli per ordine pubblico una pattuglia di carabinieri composta dal brigatiere Francesco Meloni e Alfredo Turisco inviata sul posto dal comandante Antonio Landi. La protesta si è svolta pacificamente senza alcun incidente o atto di inciviltà. Purtroppo la tensione da stress ha fatto si che per uno dei manifestanti che soffre di problemi cardiaci i carabinieri sono stati costretti a far intervenire una ambulanza del 118 per farlo trasportare alla clinica Sant’Anna di Pomezia e con loro diversi altri manifestanti che per il freddo e la tensione hanno accusato malori.

Va precisato come la presenza e l’alta professionalità del brigadiere e del carabinieri  che per primi hanno soccorso lo sventurato lavoratore gli ha evitato le conseguenze di un infarto letale. La rabbia dell’operaio colpito da malore è stata quando ha visto verso le sei e trenta una metà di suoi colleghi  che uscivano con i camion per raccogliere il RSU vanificando di fatto la protesta. Il sindaco avvertito alle 4.30 del mattino e successivamente non si è recato sul posto a confortare gli operai suoi concittadini che da diversi mesi non percepiscono lo stipendio se non piccolissi acconti, cosa questa che sta creando una situazine di disagio che potrebbe portare a gesti estremi come spiegava il cardiopatico.

“A me hanno già tolto l’acqua a casa, forse oggi toglieranno anche l’energia elettrica,  mi hanno tolto la dignità e la voglia di vivere” Parole dure e preoccupanti e quello che è strano che i politici non fanno nulla per salvaguardare gli operai  tutti cittadini di Ardea. Noi diceva un altro manifestante, abbiamo sostenuto spendendo anche soldi nostri questa amministrazine e questo sindaco, ma ci hanno abbandonato, quando lavoravamo e ci abbiamo lavorato per più di un decennio con la vecchia società appaltatrice del sig. Romeo Caronti questi forse perchè del posto non ci ha mai mandato a casa senza soldi.

Una situazione che ormai sta scappando di mano all’amministrazine non passa giorno che non ci sono operai di ditte appaltatrici di ogni genere, che non si mettono in agitazione. Da quella dell’assistenza ai disabili, agli assistenti dei pulmini, a diverse ditte edili e stradali non ultima l’Igiene Urbana che come ha avuto modo di dire il responsabile del deposito che neppure lui sta percependo lo stipendio e pure lavora, del resto la ditta deve prendere sette mensilità per un importo circa di due milioni e centomila euro oltre agli importi del porta a porta (per dovere di cronaca mai autorizzato dal Comune fatta eccezione per Ardea la centro e la Banditella Bassa) oltre a svariati milioni per la bonifica di discariche. Una cifra stimata di oltre cinque milioni di euro.  

Luigi Centore

Più informazioni su