Seguici su

Cerca nel sito

Pisana, medici precari e comunità di recupero in Commissione sanità

Lena: "La sanità del Lazio deve vivere, d'ora in avanti, di programmazione e non di continue emergenze"

Più informazioni su

Il Faro on line – La commissione Politiche sociali e Salute, presieduta da Rodolfo Lena (Pd), ha ricevuto in audizione il Coordinamento Medici Precari del Policlinico Umberto I di Roma sulla questione dei contratti in scadenza il prossimo 31 luglio.I rappresentanti dei dirigenti medici precari hanno fornito dati che segnalano il sistematico ricorso a contratti a tempo determinato, incarichi di collaborazione ed esternalizzazioni per reclutare medici, infermieri e ausiliari che quotidianamente mandano avanti il Pronto soccorso, la Terapia intensiva e le sale operatorie della struttura. Di questi, 356 sono medici, alcuni dei quali precari anche da 16 anni. La proposta avanzata dal Coordinamento alla Regione prevede percorsi di stabilizzazione che tengano conto degli anni di servizio già maturati. In tal senso, nel corso dell’audizione, si è parlato della proposta di legge regionale n. 19 presentata dai consiglieri Riccardo Agostini ed Enrico Panunzi (entrambi del Pd), che ai dirigenti medici precari è sembrata una buona base di partenza, da integrare con alcune modifiche che sono state riassunte in un documento lasciato agli atti della Commissione. Su questa possibilità i due consiglieri, presenti all’audizione, hanno manifestato la massima disponibilità.

Il presidente Rodolfo Lena ha dichiarato che occorre andare oltre le periodiche proroghe delle scadenze contrattuali. “Come è noto – ha detto il presidente della commissione – dopo l’orientamento assunto dal Consiglio dei Ministri sulla possibilità di prorogare al 31 dicembre la scadenza dei contratti precari all’interno della Pubblica Amministrazione, è allo studio una soluzione in tal senso anche per i medici precari dell’Umberto I, ma è ovvio che non è questa la soluzione definitiva che tutti cerchiamo. Per programmare una graduale internalizzazione delle risorse professionali della sanità regionale attualmente inquadrate in maniera atipica bisogna però effettuare una seria e approfondita ricognizione sui numeri effettivi e sui costi reali dell’operazione. La sanità del Lazio – ha concluso Lena – deve vivere, d’ora in avanti, di programmazione e non di continue emergenze. Ne va della credibilità delle istituzione, nonché della tutela costituzionale della salute pubblica”.

A seguire, si è svolta l’audizione con il Cearl, Coordinamento Enti ausiliari Regione Lazio, che raggruppa il 95% degli enti e delle comunità di recupero per tossicodipendenti del Lazio che si riconoscono nell’intesa Stato-Regione. L’incontro ha approfondito la problematiche legate ai ritardi dei pagamenti delle Asl, che stanno creando delle evidenti sofferenze di gestione nei Centri, e quelle relative al mancato adeguamento delle rette delle comunità di recupero a quelle di altre Regioni o almeno – sostengono i rappresentanti del Cearl – alla media nazionale (l’ultimo aggiornamento nel Lazio è avvenuto nel 2002). “Con 38 euro al giorno, abbiamo le rette più basse d’Italia, che non bastano neanche a coprire le spese per ottenere l’accreditamento”, hanno denunciato Germana Cesarano e Massimo Bagnaschi, presidente e vicepresidente del Cearl.

I due rappresentanti hanno anche spiegato che la riduzione da 1.343 alle 825 unità attualmente in trattamento, per effetto dei tagli al budget e ai posti letto previsti in questi anni di Commissariamento, non hanno ridotto la spesa regionale per quei servizi, perché il numero dei tossicodipendenti non si è ridotto: è aumentato il numero di coloro che vanno in cura in altre regioni e che costano di più al sistema sanitario laziale. Hanno partecipato alle audizioni, oltre al presidente Lena e ai consiglieri Agostini e Panunzi, le consigliere Teresa Petrangolini e Marta Bonafoni del gruppo ‘Per il Lazio’, Davide Barillari (M5S), Gianluca Quadrana (Lista Zingaretti), Fabrizio Santori (La Destra) e Gianfranco Zambelli (Pd).

Più informazioni su