Seguici su

Cerca nel sito

“L’Udc è vivo. Riproporre alleanza Udc-Pdl per vincere”

Lo dichiara in una nota l’esponente dell'Unione di Centro, Aldo Forte

Più informazioni su

Il Faro on line – “L’Udc è ancora vivo nella provincia di Latina e gode di buona salute. È il dato che emerge dal voto nei Comuni pontini, anche considerando le sue liste civiche di riferimento. Ed è un dato confortante, soprattutto se consideriamo le difficoltà oggettive del nostro partito a livello nazionale. Un partito che, anche in vista del prossimo congresso nazionale, è ancora in attesa di una definizione chiara sia per quanto riguarda la sua organizzazione interna, sia per la sua linea politica. Vuol dire che, a differenza dei tanti che ci avevano dato per morti dopo le elezioni politiche, parlando di abbandoni di massa, l’Udc pontino continua a essere radicato sul territorio e a incontrare il consenso dei cittadini”.
Lo dichiara in una nota l’esponente Udc Aldo Forte. Aldo Forte analizza il voto delle amministrative nei Comuni pontini e aggiunge: “Il buon risultato dell’Udc conferma che quello delle politiche era un dato falsato. Un dato che ha pagato, come ho affermato più volte, gli errori commessi a livello nazionale. A cominciare dall’appoggio incondizionato al governo Monti, fino alla decisione di presentarsi alla Camera in una coalizione che aveva tre simboli in contrapposizione tra di loro che, piuttosto che aggregare e conquistare nuovi consensi, si sono sottratti voti a vicenda”.
Infine Aldo Forte parla del voto a Formia, dichiarando che “senza le divisioni interne al Popolo della libertà, avremmo potuto riproporre l’alleanza Udc-Pdl e vincere al primo turno. Invece, nonostante si sia affermato come primo partito a Formia, il Pdl non va al ballottaggio. E, suo malgrado, ha permesso all’ex sindaco Sandro Bartolomeo e al centrosinistra di riesumarsi”.
“È un dato su cui ritengo sia opportuno aprire una riflessione – continua Forte – Per garantire la governabilità, infatti, credo sia necessario rinsaldare quell’alleanza che, prima con la Casa delle libertà e poi con l’asse Pdl-Udc, ha governato tanti Comuni della nostra provincia negli ultimi anni. Un’alleanza che, come ho avuto modo di affermare durante la direzione nazionale dell’Udc e come affermerò anche al prossimo congresso nazionale, va riproposta anche a livello nazionale. Il centrodestra, infatti, – conclude Forte – così come è non basta. Bisogna lavorare per ricompattarci ed essere protagonisti, Pdl, Udc e le altre forze moderate, della formazione di una forza politica nel solco del Partito popolare europeo in Italia”.

Più informazioni su