Seguici su

Cerca nel sito

Usi civici, l’interrogazione di Tantari spiazza il Consiglio

Volante: "Dobbiamo agire e far assumere le proprie responsabilità alla Regione Lazio"

Più informazioni su

Il Faro on line – L’interrogazione del consigliere Umberto Tantari indirizzata al Sindaco, al dirigente dell’area tecnica all’assessore all’uso civico, al comandante della Municipale e al delegato alla Municipale sul problema insistente dell’uso civico e dei mancati controlli delle attività commerciali e sui manufatti abusivi non sanabili siti nella zona delle Salzare, ha messo in difficoltà i consiglieri di maggioranza oltre che tirare in ballo le forze dell’ordine. Tra questi il comandante della Municipale Giuseppe Sciaudone al quale il consigliere ha chiesto cosa intendesse fare in merito a quanto esposto nell’interrogazione: “Il comune e le forze dell’ordine non hanno visto, potuto o forse addirittura voluto intervenire in merito a quanto stava avvenendo proprio sotto ai loro occhi… a mio avvisi questo, in un paese civile, è inaccettabile”. 
Il consigliere Tantari con questa pesante e condivisa interrogazione sia da parte di diversi consiglieri di maggioranza che da tutta l’opposizione temo finirà sotto la lente della Procura della Repubblica che dovrà accertarne la veridicità. Un riscontro per molti superfluo in quanto non c’è tutore dell’ordine che non conosca la situazione delle attività commerciali nei settecentosei ettari dell’ex feudo dei nobili Sforza Cesarini, oggi demanio dello Stato. 
Nel secondo Consiglio dell’era Di Fiori fu approvata addirittura una delibera che imponeva al dirigente del settore di trovare come evitare la chiusura di queste attività abusive. Per il capogruppo della lista “Abate Sindaco” ad Ardea la legalità è un optional. “Qui i controlli avvengono nelle attività del lungomare solo per i vu cumprà o per i commercianti ambulanti abusivi. Una disparità di trattamento cui questa interrogazione riuscirà a porre fine”. Oggi maggiormente nessun tutore dell’ordine, sindaco, consigliere comunale assessore segretaria comunale dirigente al commercio potrà dire “Io non lo sapevo”. 
A condividere l’interrogazione del capogruppo Tantari, il consigliere di maggioranza dell’Udc Policarpo Volante che ha testualmente detto: “Quello di Tantari sui 706 ettari è una intervento valido, centrato e condivisibile. E’ chiaro che la situazione, dopo oltre 50 anni, non può rimanere così ancora per il futuro”. Volante pur essendo di maggioranza senza timore riconosce all’avversario capacità e coraggio per la lotta alla legalità che ha intrapreso e prosegue: “Tantari ha ragione e, assieme all’assessore all’uso civico, dobbiamo agire e far assumere le proprie responsabilità alla Regione Lazio per la risoluzione del problema favorendo gli attuali occupanti”.

Più informazioni su