Seguici su

Cerca nel sito

La nave Nesibe si accinge a lasciare il porto

Al termine delle operazioni sarà rimorchiata in Turchia

Più informazioni su

Il Faro on line – Si sono concluse con successo le operazioni di spostamento della nave Nesibe E, ferma al porto di Civitavecchia dal 2008.L’unità, ormeggiata alla banchina numero 8 è stata trasferita alla banchina n. 24 dove, grazie ad una sofisticata apparecchiatura appositamente in arrivo dall’Olanda, inizierà domani le operazioni di discarica delle 3000 tonnellate di cemento tuttora stivate a bordo. Al termine delle operazioni, la cui prevista durata è di tre giorni, il Nesibe E sarà rimorchiato in Turchia con rimorchiatore d’altura e lascerà definitivamente il porto. Come molti ricorderanno, nel dicembre del 2008, il Nesibe E si trovava fuori il porto di Civitavecchia quando, in difficoltà di manovra per condimeteo avverse ed un solo motore funzionante, fu portata all’interno del porto dai rimorchiatori; la nave fu quindi detenuta per gravi deficienze che ne impedivano la navigazione in sicurezza e, successivamente, anche sequestrata dal Tribunale di Civitavecchia per insolvenza dell’armatore dei crediti dell’equipaggio. A tutela della sicurezza della navigazione e la salvaguardia dell’ambiente marino, le delicate fasi di spostamento presso la banchina n. 24, sono state seguite da due unità della Capitaneria di porto di Civitavecchia le quali hanno assistito il rimorchio e l’ormeggio.Con la partenze del Nesibe E, da tempo auspicata e sostenuta da tutti gli operatori e le Istituzioni, verrà restituita al porto di Civitavecchia l’operatività di un’altra banchina, restituzione resa ancora più preziosa perché inserita nel contesto delle opere di riqualificazione del porto storico che sarà presto adibito alla nautica da diporto. 

Più informazioni su