Seguici su

Cerca nel sito

Verso la Tunisia con otto cuccioli di cane, denunciati

Due passeggeri bloccati allo scalo romano. Gli animali stavano per essere trasportati in condizioni pessime

Più informazioni su

Il Faro on line – Bloccati all’aeroporto di Fiumicino otto cuccioli in partenza per la Tunisia. I cani provenienti dalla Romania, di eta’ inferiore alle 12 settimane, stipati in due trasportini, sono stati sequestrati e affidati alle cure dell’Isola Veterinaria dell’Aeroporto in attesa di essere trasferiti. E’ avvenuto nella tarda serata di ieri presso l’aeroporto internazionale di Fiumicino (Roma) a cura del Nucleo operativo Cites del Corpo forestale dello Stato e del Servizio di vigilanza Antifrode della Dogana il sequestro di 8 cani di varie
razze: Carlini, Shih Tzu, Husky e Chow Chow.
I cuccioli erano trasportati da due passeggeri di nazionalita’ romena che erano giunti via terra e, dopo aver acquistato i biglietti, erano in procinto di imbarcarsi con i cani per la Tunisia. Sono stati bloccati al controllo di sicurezza in quanto dall’ispezione dentale e’ risultato che i cuccioli fossero di poche settimane mentre la normativa del 2010 non consente l’introduzione nel territorio italiano di cuccioli di eta’ inferiore alle 12 settimane. Inoltre, e’ stato riscontrato il maltrattamento, in quanto gli animali venivano trasportati in condizioni pessime, in due trasportini che sono adatti allo spostamento di un solo animale ciascuno.

Per i reati riscontrati i due passeggeri sono stati denunciati a piede libero alla Procura della Repubblica di Civitavecchia (Roma). I cani sono stati affidati all’Isola Veterinaria dell’aeroporto-Posto d’ispezione frontaliera del ministero della Salute. Sono monitorati e saranno spostati lunedi’ presso una
struttura veterinaria della Capitale per poi essere dati in affidamento secondo le procedure dell’Enpa.
L’operazione rientra in un’attivita’ che vede impegnato il servizio Cites sul fronte del traffico illegale di cuccioli. Gia’ nella primavera dell’anno in corso sono stati sequestrati a cura del Nucleo Cites di Trieste e del Comando Stazione di Portogruaro del Corpo forestale dello Stato, unitamente alla Polizia Stradale
di San Dona’ di Piave, in due distinte operazioni, circa 80 cuccioli. Da ultimo, a fine estate, 106 cuccioli che transitavano sul territorio italiano sono stati pure sequestrati. In tutti i casi erano stati riscontrate le violazioni riguardanti falsa documentazione, mancanza di vaccinazioni, maltrattamento, trasporto con lesioni e malattie pregresse. Questi controlli sono intensificati nel periodo natalizio, quando questa tipologia di traffico illecito ha maggiore diffusione per la crescente richiesta di cuccioli come dono natalizio.

Più informazioni su