Seguici su

Cerca nel sito

Lo Sport del Doping, un convegno focus a Cerveteri

Tra gi ospiti Sandro Donati (Agenzia Mondiale Antidoping) e  Riccardo Viola (Presidente CONI Regione Lazio)

Più informazioni su

Il Faro on line – La Consulta dello Sport di Cerveteri ha organizzato un convegno pubblico destinato agli operatori del settore dello sport e a tutti gli interessati. Si terrà infatti venerdì 6 dicembre alle ore 18.00 nei locali di Sala Ruspoli in Piazza Santa Maria, il convegno “Lo Sport del Doping”, con il patrocinio del Comune di Cerveteri, Assessorato allo Sviluppo Sostenibile del Territorio. L’evento è stato organizzato dal Delegato all’Associazionismo sportivo Gianfranco Magni insieme al direttivo della Consulta comunale dello Sport, coinvolgendo ospiti importanti del panorama sportivo. Parteciperanno infatti al convegno Sandro Donati, già allenatore della Nazionale Italiana di Atletica e rappresentante dell’Agenzia Mondiale Antidoping (WADA), nonché responsabile Ricerca e Sperimentazione del CONI, e Roberto De Benedictis, presidente dell’ACSI Italia Atletica, società sportiva femminile laureatasi Campione d’Italia nel 2013. Interverranno inoltre Riccardo Viola, Presidente del CONI Regionale del Lazio e Pierluigi Risi, Coordinatore del CONI del Litorale Nord.
“L’assunzione di sostanze dopanti ha una forte diffusione tra gli atleti, non solo tra i professionisti ma anche tra i dilettanti e tra i giovani – ha dichiarato l’Assessore Lorenzo Croci, che gestisce la delega allo Sport – e ciò perché spesso non si conoscono a fondo i gravi rischi per la salute che derivano dall’assunzione di queste sostanze. Il tema del doping spesso non viene affrontato con la giusta attenzione, specialmente con gli atleti più giovani e quindi esposti al rischio. Ci piace invece pensare di poter fare qualcosa per trasmettere ai ragazzi il concetto di praticare lo sport in maniera sempre pulita e leale. Invito tutti le Associazioni e le Società Sportive del territorio e la Cittadinanza a partecipare e, per quelle che non l’avessero ancora fatto, ad iscriversi alla Consulta comunale dello Sport”.

Più informazioni su