Seguici su

Cerca nel sito

Al Premio Cardarelli incontro con il regista Roberto Andò

Tarquinia - Proiezione del film Viva la libertà. Seguirà il dibattito tra letteratura, cinema e politica con il critico Massimo Onofri

Più informazioni su

Il Faro on line – Il “Premio Tarquinia Cardarelli” si congederà con il 2013 proponendo uno straordinario evento tra letteratura, cinema e politica. Nella sala consiliare del palazzo comunale, venerdì 6 dicembre, dalle ore 16.00, si svolgerà la proiezione del film Viva la libertà (2013), con la partecipazione del regista e scrittore Roberto Andò (già ospite di “Incontri con l’Autore” nel 2012) e del ricercatore di cinema e costume Franco Grattarola. Al termine della visione seguirà il dibattito condotto dal Massimo Onofri, direttore artistico del “Premio Tarquinia Cardarelli”.
La visione della pellicola, tratta dal romanzo Il Trono Vuoto (Bompiani, 2012, premio “Campiello Opera Prima”) dello stesso Andò, sarà un  balzo nella politica italiana o, per meglio dire, in una sua fiabesca ma verosimile riproduzione capace di ammiccare alla realtà.
A portarla sul grande schermo un “duplice” Toni Servillo, che impersona da una parte Enrico Olivieri, segretario in grave difficoltà del più importante partito di opposizione deciso a prendersi una pausa riparando in Francia, ospite di Danielle (Valeria Bruni Tedeschi), amata venti anni prima; dall’altra a Ernani, fratello gemello e professore di filosofia dimesso da un ospedale psichiatrico, che sarà chiamato a sostituire Enrico, dalla moglie di questo, Anna (Michela Cescon), e dal collaboratore Bottini (Valerio Mastandrea). In modo inaspettato Ernani risolleva le sorti del partito, conquista la piazza, sdogana la cultura in campagna elettorale e vince le elezioni.
Film di qualità ha ottenuto critiche eccellenti. Paolo Mereghetti, sul Corriere della Sera, ha scritto che il «Cinema Politico Italiano sembrava da anni finito nel dimenticatoio. Lo toglie adesso dalla polvere Roberto Andò con un film sorprendente e intrigante». Alberto Crespi, su l’Unità, ha sottolineato che «Viva la libertà è una fiaba politica, un apologo alla Sciascia, un’allegoria. Che però – come tutte le fiabe ben scritte – allude alla realtà…». Massimo Bertarelli, su Il Giornale, ha commentato: «Incredibile, un film italiano sulla politica leggero e spiritoso (…) Un magistrale sberleffo alla sinistra, con qualche toccatina all’altra parte, e un superbo, doppio Toni Servillo».

La proiezione della pellicola Viva la libertà e il dibattito con Andò concluderanno la prima fase del “Premio Tarquinia Cardarelli”, che riprenderà a primavera 2014 con “Il Processo” e la serata di premiazione nella chiesa di Santa Maria in Castello.

Il “Premio Tarquinia Cardarelli” è organizzato dall’assessorato alla Cultura del Comune di Tarquinia, con l’alto patronato della Presidenza della Repubblica, il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del MIBACT (Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo), della Regione Lazio e della Provincia di Viterbo, il sostegno di Porti di Roma e del Lazio, Camera di Commercio di Viterbo, Unindustria, Fondazione Carivit, Cassa Edile di Viterbo e BCC Tuscia.

Più informazioni su