Seguici su

Cerca nel sito

“Caso Ground Care, intervengano Regione, Enac e Aeroporti di Roma”

Terrevoli: "Salvare un'importantissima realtà dei servizi a terra di Fiumicino che per anni è stata un'eccellenza del settore"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Siamo giunti al bivio, entro questo mese la Ground Care Spa conoscerà il suo destino già segnato da enormi problemi”. E’ quanto dichiara il leader del Movimento Progetto Tricolore Cristian Terrevoli che spiega: “La situazione è molto delicata perchè se da una parte qualche realtà si è affacciata per rilevare l’azienda dall’altra le richieste lasciano presagire a enormi sacrifici che ricadranno inesorabilmente  sui salari dei lavoratori. Questo perchè trapelano notizie riguardo le richieste fatte da chi ha manifestato interesse all’acquisizione della Ground Care che vanno in una direzione di forte riduzione dei costi del lavoro la quale  passa da un consistente ridimensionamento dell’organico a  possibili tagli ai già martoriati salari che ridurrebbero di molto  il potere d’acquisto degli stipendi”.
“Intanto il giudice che ha in mano la pratica dell’azienda, la quale  ad oggi si trova in regime di concordato preventivo  oltre alla  cassa integrazione con scadenza 31 dicembre 2013 , entro questo mese dovrà sciogliere le riserve sulla continuità aziendale che ammesso  ci sia e questo lo speriamo tutti ,  porterà con se una serie di richieste che sono  al vaglio delle organizzazioni sindacali”.
“Nel trasporto aereo di Fiumicino si vivono due drammi con sistemi di trattamento differenti, uno è quello legato alla compagnia di bandiera nel quale abbiamo assistito a sollecitazioni politiche e ad interventi che hanno scongiurato nell’immediato possibili licenziamenti, l’altro è la ex Aeroporti di Roma Handling ceduta alla Flight care italia divenuta poi Ground Care spa per la quale nulla è stato fatto e nulla si sta sta facendo per scongiurare imminenti situazioni di criticità occupazionali”.
“Proprio per questo urge l’intervento della Regione Lazio affinchè avvii un tavolo nel quale vi devono prendere parte Aeroporti di Roma in quanto gestore, Organizzazioni sindacali per la parte sociale con la supervisione di Enac in quanto Ente di controllo del trasporto aereo. L’obbiettivo è quello di salvare un’importantissima realtà dei servizi a terra di Fiumicino che per anni è stata un’eccellenza del settore sinonimo di serietà e  professionalità e tracciare un percorso  che porti ad una razionalizzazione del sistema aeroportuale di Fiumicino”.
“Lo scalo del Leonardo da Vinci  ridotto ad una polveriera si appresta a vivere un natale veramente triste , sotto l’albero nessun regalo ma solo incertezze e nodi da scogliere, ci appelliamo a chi tiene a cuore la sorte di migliaia di  famiglie che del proprio salario fanno l’unico mezzo di sostentamento, ci appelliamo al senso di responsabilità delle rappresentanze sindacali e dei rappresentanti delle istituzioni affinché non vi siano perdite pesanti di posti di lavoro ed ingenti  tagli  al salario”.

Più informazioni su