Seguici su

Cerca nel sito

“Anche quest’anno ad Aranova l’albero ce lo facciamo noi”

Severini (Crescere Insieme): "Un modo per stare insieme e inaugurare una serie di iniziative che culmineranno il giorno della Befana"

Più informazioni su

Il Faro on line – Moltissimi i bambini. Altrettante famiglie che li hanno accompagnati. Musica, divertimento, un momento per stare insieme, per condividere il Natale. Per il terzo anno consecutivo la manifestazione “Anche quest’anno ad Aranova l’albero ce lo facciamo noi” organizzata dall’associazione Crescere Insieme è stata un successo.

“Siamo soddisfatti – spiega il presidente di Crescere Insieme, Roberto Severini -. Ad Aranova si è sparsa la voce, non c’aspettavamo tutto questo entusiasmo, nonostante il maltempo, e la pioggia. Volevamo lanciare un segnale alla località: il modo per stare insieme, per ricavare dei momenti di condivisione, di trasformare una città troppo spesso dormitorio in un luogo dove incontrarsi, parlare, scambiarsi idee e opinioni c’è. Basta avere un po’ di fantasia e volontà”.

La cornice è stato il parco pubblico di via Siliqua. La scusa: addobbare l’abete piantato sabato mattina dall’associazione. “Abbiamo chiesto ai bambini due cose: una pallina per colorare l’albero e una letterina da consegnare a Babbo Natale – sottolinea Severini -. Un modo per stare insieme e inaugurare una serie di iniziative che culmineranno il giorno della Befana con la tradizionale festa delle consegna delle calze. In mezzo tanti appuntamenti che abbiamo voluto fortemente per dimostrare che Aranova è viva. Stiamo organizzando serate bingo, balli di gruppo, tombolate, karaoke, un torneo di play station, giochi di carte, calcetto amatoriale. Insomma tutto quello che può fare in modo che questa località viva”.

Ospite d’eccezione un Babbo Natale con tanto di fascia tricolore: “Visto che le istituzioni si vedono solo durante la campagna elettorale promettendo di tutto e di più e latitano ai nostri eventi, prediligendone altri – afferma il vicepresidente dell’associazione, Emilio Erriu – per l’occasione abbiamo deciso di nominare un nuovo sindaco: Babbo Natale. Anche noi ‘grandi’ abbiamo consegnato le nostre letterine, con i sogni e le promesse che qualcuno non ha mantenuto. Abbiamo comunque voluto poi portare il nostro contributo all’albero istituzionale piantato all’entrata di Aranova con una nostra pallina ben augurante. Quella istituzionale si era trasformata in una passerella elettorale, noi abbiamo optato per qualcosa di più famigliare. A volte basta un po’ di fantasia e un po’ di impegno per ottenere dei risultati anche senza l’aiuto delle istituzioni che hanno preferito utilizzare questo evento per la loro propaganda”.

Più informazioni su