Seguici su

Cerca nel sito

Madonnella, il Comune cede le aree. Finisce il contenzioso nato negli anni 90

Una delibera di giunta apre la strada alla soluzione del riassetto del nodo viario in località Isola sacra

Più informazioni su

Il Faro on line – Cedere ai titolari del permesso di costruire anche la quota parte di cubatura afferente le mezzerie stradali e quindi di proprietà pubblica. Il Comune di Fiumicino, con l’amministrazione targata Montino, chiude così il capitolo annoso del blocco dei lavori alla Madonnella. Una vicenda che tra ricorsi e controricorsi sta andando avanti ormai da anni. La giunta comunale infatti, con la delibera n.98 del 17 ottobre 2013 (assenti gli assessori Ambrosini e Poggi), ha autorizzato il prosieguo dei lavori e la relativa sistemazione dell’area.

La storia
La faccenda risale al 1997, anno in cui il Consiglio di Fiumicino approvò il piano particolareggiato esecutivo. Per una complicata questione di frazionamenti di una particella catastale, furono calcolate cubature non solo comprendenti l’area privata ma anche parte di quella pubblica su un lotto da costruire. Poi, nel 2003, il primo atto del contenzioso. I lavori furono bloccati, ma l’ordinanza di demolizione non fu mai possibile emanarla. E così quelle pericolose impalcature restarono lì per anni a fare bella mostra (si fa per dire) di sé. 

La soluzione
Stante dunque l’esigenza di risolvere una problema che si sta trascinando da anni, sia per quanto riguarda l’edificazione del comprensorio sia per ciò che riguarda la sistemazione dello snodo viario, il Comune ha avviato le procedure per la risoluzione bonaria del contenzioso in atto.  La parola chiave è: cubatura di proprietà pubblica. Secondo lo schema approvato, questa cubatura verrà in sostanza regalata al privato che a sua volta dovrà impegnarsi – come peraltro già previsto dalla originaria convenzione – alla realizzazione di parte delle opere previste dal progetto per la riqualificazione della piazza.
Angelo Perfetti

Più informazioni su