Seguici su

Cerca nel sito

Birmania, 6mila euro dall’associazione Sleipnir

Raggiunta la cifra utile per la ricostruzione di una clinica

Più informazioni su

Il Faro on line – Si è conclusa ieri sera la mostra fotografica “Kawthoolei. Zone di guerra nella Birmania orientale” di Fabio Polese, organizzata dall’Associazione Sleipnir in piazza Pia ad Anzio, ma oltre alla mostra fotografica del reporter perugino, l’associazione ha organizzato otto cene di beneficenza presso l’Osteria Contro Corrente che hanno permesso all’Associazione di raccogliere circa 6.000 euro che la Comunità Solidarista Popoli Onlus di Franco Nerozzi utilizzerà per ricostruire la clinica di Mu Aye Pu, lasciata cadere in rovina dalle milizie collaborazioniste del regime che nel 2009 occuparono l’area della clinica. Oggi Mu Aye Pu è di nuovo sotto il controllo della guerriglia patriottica ed è sede di un battaglione della KNDO, l’organizzazione armata guidata dal Generale Nerdah Mya. Con la donazione dell’Associazione Sleipnir, la Comunità Solidarista Popoli Onlus potrà ricostruire una clinica efficiente e rifornirla di farmaci, per dare di nuovo assistenza a civili che abitano nei villaggi circostanti, ai Karen che vivono in territorio tailandese appena al di là del fiume che fa da frontiera e ai volontari della KNDO, che restano fedeli alla linea intransigente nei confronti dell’obiettivo finale della loro lotta: autonomia, mantenimento della specificità culturale, rispetto del territorio.
“Dopo 10 giorni – spiega Rodolfo Turano, Presidente dell’Associazione Sleipnir – finalmente siamo riusciti a portare a termine con successo l’impegno che ci eravamo preposti e per questo ringrazio quelli che in questi giorni mi hanno incoraggiato, ovvero Massimo Botticelli, Valerio Scalia, Luigi Iannone, Stefania Amaducci, Elio Marcoccia e – conclude Turano – tutti quanti ci hanno sostenuto in questi giorni, soprattutto a Pasquale Turano e Chiara Benvenuto che ogni sera hanno messo a disposizione il loro locale Contro Corrente”.
 
“Ringrazio Rodolfo per aver organizzato questa bellissima iniziativa – spiega Franco Nerozzi, Presidente della Comunità Solidarista Popoli Onlus – quello che ho visto questa sera mi commuove. Non è una sorpresa, conosco bene Rodolfo, Massimo e Valerio che anche in passato si sono dati molto da fare e hanno fatto molto per la nostra Associazione, però mi commuove vedere quanta gente sono riusciti a coinvolgere in questa iniziativa. È un periodo difficile, in cui la gente ha dei problemi seri, propri problemi, per la propria famiglia eppure vi posso già anticipare che attraverso questa iniziativa la nostra associazione riuscirà a ricostruire una clinica che era stata distrutta un anno e mezzo fa in Birmania di cui i Karen hanno estremo bisogno.
“La cifra che serviva per la ricostruzione – continua Nerozzi –  la rimessa in opera di quella clinica all’interno della quale è stata scattata qualcuna di queste foto, in particolare la foto dove il dott. Turano opera di tumore un contadino Karen, verrà rimessa in funzione, quindi un risultato tangibile, concreto che è stato raggiunto qui solo grazie a voi, perché la difficoltà di questo momento non avrebbe certo consentito di pensare al raggiungimento di un così grande risultato”.
“Popoli – conclude Nerozzi – prosegue il suo lavoro da 13 anni a questa parte grazie a tutte queste persone che con impegno ci seguono e ci sostengono, non parlo soltanto dei medici che vengono in missione, ma parlo di quelli che svolgono il durissimo lavoro di propaganda della nostra idea, della nostra visione e della nostra interpretazione di intervento umanitario, secondo noi naturale, che si rifà al principio di aiutare i popoli nella loro terra, per rimanere nella propria terra, vivere nel loro contesto sociale e vivere grazie a quella rete di solidarietà che solo la tua gente ti può dare sul tuo territorio, dove sei nato, i tuoi padri hanno costruito il tuo villaggio, dove figli hanno diritto di crescere e di mantenere le tradizione e l’identità del tuo popolo”.
 
“Tutto questo non sarebbe stato possibile senza l’aiuto di tanti amici, che ci hanno sostenuto: Corrado Forcina per il service audio e luci; GISA di Cesidio D’Angelo per i molluschi e i frutti di mare; Roberto Palomba della Cooperativa Fanciulla d’Anzio per il pescato locale; il pastificio di Franco Quaresima per la pasta fresca; Linemar di Livio Carrai per il pescato locale e crostacei; M3F di Enrico Mancini per il pescato locale e l’olio; Tende da Sole di Mario Giovanelli; la Cantina Bacco per il vino; Forno Marigliani per il pane; AV Point di Valentina Alunni per il tovagliato; la pescheria Profumi di Mare per il pescato locale; Alessandro Bianchi e Pan di Zucchero per i dolci; Patrizio Colantuono e la Pro Loco Città di Anzio per la tensostruttura; Emanuele Atturi per il proiettore e maxischermo; Attilio Rizzi per le bibite.
Ringraziamo inoltre gli sponsor: MP Sport di Alessandro Colantuono; la Ferramenta Fai Da Te di Stefano Rossi; Massimiliano Pinton; l’Enoteca di Aldo Fiorilli; la Gioielleria Saltini e il ristorante Sottosopra di Maurizio Puma. Infine, ma non per ultimi, un ringraziamento speciale al Vice Sindaco di Anzio Giorgio Zucchini e all’Osteria Controcorrente di Chiara Benvenuto e Pasquale Turano e tutto il suo staff: Angela, Maruf e Francesco”.

Su www.facebook.com/sleipnir tutte le foto della manifestazione.

Più informazioni su