Seguici su

Cerca nel sito

Festa per Santa Lucia patrona delle Salzare

La cerimonia organizzata dagli abitati della zona

Più informazioni su

Il Faro on line – Si è svolta ieri una solenne cerimonia religiosa nello spiazzo infondo a via delle Valle di Santa Lucia. (foto di fianco) La cerimonia si è svolta per Onorare la Santa Patrona della zona delle Salzare di cui una delle strade ne porta il nome.  La cerimonia organizzata dagli abitanti della strada  si è svolta nello spiazzo che ospita la statua della Madonna posta a protezione della zona e subito essendo la zona delle Salsare una zona ove tutti i manufatti sono stati costruiti abusivamente la Madonna  è stata da subito invocata come la “Madonna degli abusivi”, tanto che  si sta costituendo un gruppo di costruttori  ex costruttori abusivi e di quanti per necessità dovute alla burocrazia sono stati costretti ad edificare una casa abusivamente (personalmente ho dato la mia disponibilità come alcuni dei presenti) persone,  che negli anni passato in quella zona come del resto in tutto il territorio edificavano abusivamente per necessità tanto da definire quel tipo di edificazione non abusivismo edilizio ma “edilizia spontanea” per celebrare durante un giorno dell’anno una cerimonia religiosa per invocare la protezione della Vergine e la ripresa dell’edilizia. Nella stessa area, ieri con un folto gruppo di abitanti don Francesco vice parroco della parrocchia di Tor San Lorenzo ha officiato la cerimonia e pregato insieme ai fedeli affinchè la Santa Lucia interceda perso l’Altissimo per una protezione della zona e dei suoi abitanti. Alla cerimonia religiosa ed al pranzo offerto dal collega Morgante Stanislao ha partecipato anche il presidente del consiglio Massimiliano Giordani, tra l’altro devoto della Santa Patrona di Siracusa ove nacque nel 283 dei ciechi ed ovviamente degli oculisti, ma soprattutto della Madonna tra l’altro Santa lucia è venerata come vergine e martire.  Il reverendo Don Francesco, ha ricordato la vita della protettrice dei non vedenti. Santa Lucia fu una martire cristiana, morta durante le persecuzioni di Diocleziano a Siracusa; è venerata dalla Chiesa cattolica e dalla Chiesa ortodossa. Santa Lucia è una delle quattro Sante protettrici della Città Felicissima (Palermo), caput regni et sedis regis della Sicilia.  nell’ambito della tradizione letteraria propriamente detta, la figura della Santa ispirò Dante Alighieri. Il poeta nel Convivio afferma di aver subìto in gioventù una lunga e pericolosa alterazione agli occhi a causa delle prolungate letture ottenendo poi guarigione per intercessione della Santa siracusana. Gratitudine, speranza e ammirazione indussero quindi il sommo poeta ad attribuirle un ruolo fondamentale non soltanto nella sua vicenda personale, ma anche, allegoricamente e simbolicamente, in quella dell’umanità intera nel suo viaggio oltremondano descritto nella Divina Commedia.  Don Francesco, ha ricordato a fine cerimonia l’impegno suo e del parroco della chiesa di Tor San Lorenzo nel portare a compimento nel piano sottostante la chiesa l’oratorio per i giovani, per toglierli dalla strada, insegnandogli i valori cristiani che hanno avuto i loro antenati e l’intero popolo italiano, la cui capitale definita caput mundi, ieri come oggi è la culla ed il centro del cattolicesimo ove dimora il Santo Padre Francesco Bergoglio.

Luigi Centore

Più informazioni su