Seguici su

Cerca nel sito

Zingaretti: “Con il nuovo regolamento basta finti agriturismi”

Secondo il regolamento l'agriturismo può essere costituito solo da un'impresa agricola, che svolge anche attività di ricezione, ospitalità e ristoro

Più informazioni su

Il Faro on line – Valorizzare e tutelare le aziende laziali che rispettano le regole, colpendo invece i finti agriturismi. E’ quanto prevede il nuovo regolamento sugli agriturismi approvato dalla Giunta Zingaretti che dichiara guerra alle strutture del territorio che non possiedono i requisiti per esercitare questo tipo di attività. Secondo il regolamento quindi l’agriturismo può essere costituito solo da un’impresa agricola, che svolge anche attività di ricezione, ospitalità e ristoro. E’ infatti previsto l’obbligo, anche per le aziende agrituristiche, della costituzione del fascicolo aziendale che traccia le superfici che il produttore ha in conduzione e i tipi di coltura. Altra importante novità è senza dubbio l’introduzione della classificazione attraverso il ‘sole’ (da uno a cinque, come accade per la stella negli alberghi), che divide le strutture in base a qualità, comfort e servizi offerti alla clientela.

Tenendo conto delle esigenze della clientela, diversificatesi nel corso del tempo, la nuova legge ha ampliato anche il concetto di attività connesse a quelle agricole: per esempio vengono ricomprese quelle di tipo ricreativo, sportivo e culturale, con un limite di incidenza non superiore al 10% della superficie agricola totale. I titolari delle strutture possono inoltre concludere accordi di fornitura con gli imprenditori agricoli delle zone limitrofe, per incentivare così la produzione dei prodotti laziali. “Il nuovo regolamento degli agriturismi – spiega il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti – rappresenta un importante traguardo, frutto del lavoro di collaborazione e concertazione con le associazioni di categoria, le Province e l’Agenzia regionale del Turismo. Il testo introduce elementi di tutela e promozione delle imprese agricole e dei loro prodotti, ampliandone e diversificandone le offerte, in conformità del modello comunitario”.

 “Siamo fortemente convinti – conclude l’assessore regionale all’Agricoltura, Sonia Ricci – che gli agriturismi rappresentino nel Lazio uno strumento efficace per favorire il turismo e più in generale per il rilancio della nostra economia, che nell’agricoltura – e in tutti gli ambiti ad essa collegati – può trovare un valido riferimento. Anche il nuovo regolamento dunque diventa un mezzo indispensabile per raggiungere questi importanti obiettivi nel Lazio”.

Più informazioni su