Seguici su

Cerca nel sito

“Prodotti alimentari, teniamo alta la guardia”

L'intervento del dottor Giulio Verdolino, assessore del Comune di Nettuno

Più informazioni su

Il Faro on line – La triste e allarmate vicenda della Terra dei Fuochi balzata agli onori delle cronache negli ultimi tempi, non rappresenta un pericolo soltanto per i vari comuni sparsi tra la provincia di Caserta e Napoli, infatti sono in molti a chiedersi se esistono dei rischi anche per i consumatori.
Il Ministro delle Politiche Agricole ha, da parte sua, voluto rassicurare i consumatori dichiarando che i tutti i prodotti italiani sono sicuri perché sono i più controllati, tanto che proprio di recente Unioncamere e Fondazione Symbola hanno dichiarato che le produzioni agricole del nostro Paese hanno residui chimici 5 volte inferiori rispetto a quelle della media europea, per cui i consumatori possono stare tranquilli e non avere alcun timore nel consumare i prodotti agroalimentari italiani.
“Sento, comunque, l’esigenza – ha dichiarato il dott. Giulio Verdolino, Assessore AA.PP. del Comune di Nettuno – di fornire uno strumento di ulteriore tutela al consumatore, inteso quale monitoraggio da parte dell’Amministrazione della corretta applicazione delle norme comunitarie. Solo con un consumatore informato e consapevole il mercato può diventare migliore. Ed è in questa prospettiva che si inserisce la nostra opera di prevenzione a tutela della collettività, che si traduce in una forma di democrazia degli acquisti.”
“Ho appreso, infatti, tramite canali istituzionali che non tutti gli operatori commerciali espongono la certificazione di origine dei prodotti  In particolare, i commercianti e gli ambulanti di frutta e verdura fresche sono obbligati ad esporre le etichette che forniscono informazioni utili ad orientare il consumatore nell’acquisto. Pertanto, ho inviato formale diffida ad attenersi alle normative vigenti che prevedono alcune indicazioni che devono essere sempre presenti al momento dell’esposizione dei prodotti: prezzo, provenienza e categoria. Tali norme sono contenute nel Decreto legislativo n. 306 del 2002, che ha recepito una Direttiva europea in materia (Ce 2200/96) e regolamenti del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.
Se i prodotti sono venduti in imballaggi preconfezionati, le indicazioni previste devono essere presentate, ugualmente in modo chiaro e leggibile, indelebili e visibili all’esterno su uno stesso lato. Va inoltre indicato il peso netto, a meno che non si tratti di prodotti venduti abitualmente al pezzo. In tal caso, l’etichettatura deve indicare il numero di pezzi, se tale numero non può essere chiaramente visto e facilmente contato dall’esterno.”
L’Amministrazione Comunale di Nettuno è sempre attenta a recepite le situazioni di disagio a cui può essere sottoposto il cittadino quale consumatore/utente.

Più informazioni su