Seguici su

Cerca nel sito

Scoperti resti murari di età romana

Le pietre appartengono a un muro di recinzione risultato parte di una villa romana del primo secolo A.C.

Più informazioni su

Il Faro on line – I finanzieri del comando provinciale di latina, nell’ambito dei controlli finalizzati alla tutela dell’ambiente e salvaguardia del patrimonio demaniale, hanno concluso un’operazione di servizio che ha portato alla repressione di atti costituenti grave danneggiamento dei beni archeologici. Nei giorni scorsi infatti, nell’ambito del monitoraggio del territorio, lungo il tratto della variante appia, tra formia e la frazione santa croce, i militari del gruppo di formia, hanno sorpreso i titolari di un fondo agricolo mentre erano intenti, con l’ausilio di un escavatore alla effettuazione di lavori oltre il limite regolarmente autorizzato dal comune. Tale lavoro di spianamento del terreno, stava portando alla distruzione di un antico muro che all’attenzione dei militari è parso risalire ad epoca romana. Pertanto, gli stessi finanzieri hanno immediatamente disposto la sospensione dei lavori e il sequestro del cantiere, provvedendo ad effettuare rilievi fotografici del terreno interessato. E’ stata quindi allertata la sovrintendenza ai beni archeologici del lazio cui e’ stato inviato un accurato dossier per ulteriori  approfondimenti. La sovrintendenza di roma confermava la sussistenza del predetto muro di recinzione risultato parte di una villa romana del primo secolo a.c.. Conseguentemente, i due soggetti sono stati denunciati a piede libero all’a.g. di cassino, per i reati previsti dagli articoli 635 e 733 del c.p., contemplanti il danneggiamento del patrimonio archeologico, nonche’ previsti dal codice dei beni culturali.

Più informazioni su