Seguici su

Cerca nel sito

Inaugurata la piscina comunale

Il sindaco Mazzola: "Giornata storica. Dopo 40 anni Tarquinia ha il suo impianto del nuoto"

Più informazioni su

Il Faro on line – Giornata storica ieri per Tarquinia. Dopo un’attesa di 40 anni, il sindaco Mauro Mazzola e l’assessore ai lavori pubblici Anselmo Ranucci hanno inaugurato la piscina comunale, nuovo fiore all’occhiello dell’impiantistica sportiva tarquiniese. Erano presenti gli assessori Sandro Celli, Enrico Leoni e Renato Bacciardi, il vescovo della diocesi di Civitavecchia e Tarquinia monsignor Luigi Marrucci, i consiglieri comunali, le autorità militari, il mondo dell’associazionismo locale, i rappresentanti della società “Casetta Bianca”, che gestirà la struttura, e centinaia di cittadini. «È con orgoglio e soddisfazione che oggi consegniamo alla città la tanto sospirata e desiderata piscina comunale. – ha dichiarato il sindaco Mazzola – Avevamo stretto un patto con Tarquinia e l’abbiamo rispettato, nonostante ci sia stato chi abbia tentato di gettare fango su questo progetto ed era convinto che rimanesse incompiuto.  Dopo decenni di vane promesse da parte dei diversi attori politici, che si sono susseguiti alla guida della città, la piscina comunale è realtà, grazie alla tenacia di quest’Amministrazione, e rappresenta un traguardo storico e la realizzazione di un sogno». «I cittadini di Tarquinia hanno finalmente la loro piscina. – ha affermato l’assessore Ranucci – Le illazioni e il discredito gettatici addosso sono stati spazzati via da questa opera, che ha finalmente scoperto il suo volto. Illazioni e discredito che ci hanno fatto male ma che ci hanno dato ancora più determinazione nel portare a compimento un’opera richiesta a gran voce. La piscina è il risultato di un gioco di squadra, dove tutti sono stati protagonisti, e di un’Amministrazione composta da persone serie e perbene». Avviati a maggio 2011, su progetto dell’architetto Leonardo Proli, i lavori sono durati meno di due anni. La struttura copre una superficie di 4.200 metri quadrati, con due vasche: quella maggiore lunga 25 metri, larga 12.50 metri, profonda 1.55 metri, e con tutte le caratteristiche tecniche previste dalle normative del Coni; quella minore destinata all’attività natatoria dei bambini. La completano spogliatoi, bagni con docce e servizi vari. È dotata di un impianto fotovoltaico dalla potenza di 220 chilowatt e di un impianto geotermico, che consentono di soddisfarne il fabbisogno energetico. All’esterno ci sono un ampio parcheggio e aree verdi.

Più informazioni su