Seguici su

Cerca nel sito

Lemon Bowl Babolat 2014: livello sempre più alto

Domani in campo i quarti di finale

Più informazioni su

Il Faro on line – I tabelloni principali del Lemon Bowl Babolat 2014 proseguono il loro cammino verso le finali del 6 gennaio. Ha preso il via il torneo under 8, con alcuni match molto spettacolari e divertenti che hanno incuriosito il nutrito pubblico presente. Le categorie under 10 maschile, under 12 (maschile e femminile), under 14 maschile e under 16 femminile hanno disputato un doppio turno allineando i main draw ai quarti di finale. Previsto domani il doppio turno per le categorie under 10 femminile, under 14 maschile e under 16 maschile. Si torna in campo in mattinata a partire dalle ore 9.

Prosegue la marcia di Minighini. Tra i protagonisti dell’under 10 maschile si segnala il Daniele Minighini, classe 2004. “È il secondo che Daniele partecipa al Lemon Bowl – racconta Cristiano Minighini, padre e allenatore del piccolo talento romano – Gioca a tennis da quando ha compiuto 5 anni e attualmente si allena quattro giorni a settimana con due ore di tennis e una di atletica. Ha sempre palesato un buon talento: in campo sa fare un po’ tutto e gran parte del merito va al suo istinto. Da migliorare? Spesso si impigrisce troppo e va continuamente stimolato.”

Paoletti insegue il pokerissimo. La manifestazione under 12, sia maschile che femminile, vede al via alcuni dei migliori prospetti nazionali. Hanno destato impressioni più che positive Fausto Tabacco (Circolo Tennis Vela Messina), Lorenzo Musetti (Ct La Spezia) e Riccardo Trione (Angiulli Bari). Nel femminile Matilde Paoletti, vincitrice del Lemon Bowl per quattro anni consecutivi, sta inseguendo un clamoroso “pokerissimo”.

Livello medio in crescita. L’opinione dei tanti addetti ai lavori presenti sui campi del Lemon Bowl Babolat 2014 è molto semplice e diretta: le nuove generazioni cercano maggiormente uno stile aggressivo e spesso anche la discesa a rete. “In sostanza i più piccoli giocano meglio a tennis – spiega Giovanni Bianchi, direttore tecnico dell’Accademia Tennis Apuano – Mi hanno impressionato soprattutto gli under 10 e under 12, che hanno un atteggiamento molto offensivo e probabilmente anche un’impostazione tecnica migliore.” È dello stesso avviso anche Fabio Lavazza della Bob Brett Academy: “Credo che il circuito femminile possa vivere cambiamenti importanti nel giro dei prossimi 5 anni: mi aspetto un tennis molto aggressivo da tutte le aspiranti professioniste e quello che vedo qui lo conferma. Fino a qualche anno fa nel femminile si vinceva tirando su i pallonetti. Oggi l’atteggiamento è completamente diverso ed è un ottimo segnale.”

Tutte le informazioni, le foto e i commenti delle passate edizioni del torneo sono disponibili sul sito web ufficiale: www.lemonbowl.it

Più informazioni su