Seguici su

Cerca nel sito

“Ospedale di Fondi, garantire l’emergenza”

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato a firma dell'Opposizione

Più informazioni su

Il Faro on line – Il Faro on line – In politica succedono spesso cose stravaganti, delle quali non riusciamo a non meravigliarci. Ad esempio, fino a qualche settimana prima dell’insediamento di Nicola Zingaretti sullo scranno di Presidente della Regione Lazio e poi di Commissario ad acta della sanità regionale, per qualsiasi cosa accadesse riguardo all’ospedale di Fondi c’era sempre qualcuno pronto ad urlare ai quattro venti per il rischio di depotenziamento del nostro nosocomio.

Oggi, di fronte a criticità oggettive il “qualcuno” di cui sopra fa finta di niente e si impegna a far credere che non c’è nessun problema per l’ospedale di Fondi e che la Regione a guida Zingaretti avrebbe prontamente risolto l’ultimo dei problemi, ovvero il rischio chiusura per carenza di medici sia della pediatria che dell’ostetricia.

“Qualcuno” ha però dimenticato che lo stesso direttore sanitario del Presidio centro Sergio Parrocchia ha lanciato nel merito un disperato appello e se non venisse prontamente ascoltato si giungerebbe alla chiusura del reparto. Anche il neo direttore Cassetta si sta adoperando, ma questo non basta perché lui da Direttore sanitario aziendale sapeva a cosa si andava incontro e purtroppo la situazione sta ormai precipitando.

Domandiamo al neo direttore Cassetta: perché finora non si è avuta alcuna risposta sul laboratorio analisi? Eppure sappiamo con certezza che a seguito di un avviso pubblico un tecnico ha dato la sua disponibilità per supportare le attività del presidio centro ma non si è proceduto per rendere effettiva quella disponibilità. Come mai non si fa nulla per approfondire le motivazioni che hanno determinato la malattia per due tecnici di laboratorio, annunciata non appena divenuto operativo il loro trasferimento da Latina a Fondi e a Terracina?

Se al momento si è evitata la chiusura dei reparti di Pediatria ed Ostetricia del “San Giovanni di Dio” nel periodo delle festività lo si deve solo ai medici che, ancora una volta, hanno dimostrato più di tutti di avere a cuore le sorti della sanità e del nostro ospedale e che non smetteremo mai di ringraziare.

Zingaretti, invece, non ha avuto nemmeno il garbo istituzionale di ricevere i Sindaci del nostro comprensorio, i quali hanno nel frattempo ricevuto un mandato chiaro dai rispettivi Consigli comunali, ovvero quello di sostenere una proposta di riordino funzionale del presidio centro che parte innanzitutto dall’assunzione immediata di nuovi medici per consentire il mantenimento di determinati servizi. C’è bisogno subito di pediatri, ginecologi e tecnici di laboratorio. Se questo non avverrà immediatamente non avrà più alcun senso parlare di presidio centro.

Il documento approvato all’unanimità dai Consigli comunali di Fondi, Lenola, Sperlonga, Monte San Biagio e Campodimele è esplicito: deve essere garantita l’emergenza anche nell’ospedale di Fondi, per la presenza dell’ostetricia e per le elevate prestazioni chirurgiche che si erogano a favore di una considerevole parte della popolazione pontina.

E’ arrivato il momento di far sapere a tutti che bisogna battersi duramente per l’ospedale e sollecitare il Commissario alla sanità regionale Zingaretti, che fino ad ora non ha fatto nulla, ad assumere una decisione concreta per dare una risposta seria a questo territorio.

E’ venuto meno anche l’ultimo alibi con cui la sinistra ha cercato finora di temporeggiare giustificando la drammatica situazione finanziaria della sanità laziale che, a loro dire, sarebbe stata determinata solo dalle precedenti amministrazioni a guida di centrodestra.

La recente relazione del Comitato regionale di controllo contabile ha di fatto smentito quello che anche a Fondi negli ultimi mesi era diventato una sorta scudo protettivo per tutelarsi rispetto ad un immobilismo decisionale che sta facendo lentamente morire il nostro ospedale.

Infatti risulta acclarato come il debito della sanità sia responsabilità di tutti e tra questi risulta che l’amministrazione di sinistra guidata da Piero Marrazzo lo abbia aumentato nettamente.

E proprio nello stesso periodo l’allora direttore generale ASL Ilde Coiro, nominata da Marrazzo, con l’atto aziendale emanato nel 2008 e disgraziatamente ancora in vigore determinò le condizioni per cui il nostro ospedale venne destinato ad una lenta agonia per trasformarlo in un cronicario di lungodegenza: un risultato perseguito sin dall’epoca della presidenza Badaloni (coalizione di sinistra), il cui raggiungimento fu sospeso con Storace ma purtroppo ripreso con Marrazzo.

Il PD locale non ha più scuse, continua ormai a difendere l’indifendibile.

Vincenzo Carnevale – Forza Italia,
Fabrizio Macaro – Io Sì,
Vittorio Iacovacci – Litorale e sviluppo Fondano,
Dante Mastromanno – UdC,
Angelo Macaro – La destra

Più informazioni su