Seguici su

Cerca nel sito

Botti di Capodanno: a Palidoro salvano l’occhio di un bambino ferito in Calabria

Dall'ospedale di Cosenza all'OPBG di Roma per arrivare infine a Palidoro

Più informazioni su

Il Faro on line – Un bambino di 10 anni stava festeggiando il capodanno con la propria famiglia, all’aperto. A mezzanotte i tradizionali botti di Capodanno. A un certo punto, un petardo esploso troppo vicino ha spinto tutti a voltarsi verso la fonte del forte rumore. Proprio in quell’istante una scheggia luminosa raggiunge l’occhio del  bambino, con risultati terribili. Il bulbo oculare sembra letteralmente esplodere ed è terribile l’angoscia di papà e mamma, convinti già che il proprio bambino abbia perso irrimediabilmente l’occhio. Il piccolo, calabrese, corre con la famiglia all’ospedale di Cosenza, che contatta il DEA del Bambino Gesù di Roma. Il dott. Paolo Capozzi e i medici della Divisione Oculistica decidono immediatamente per il trasferimento, in modo da avere la possibilità di intervenire.

Giunti a Roma, vengono effettuati d’urgenza esami TAC, da cui viene rilevata l’assenza di fratture ossee. Ma la diagnosi è grave: la cornea è aperta in due e la sclera gravemente lesionata nella parte inferiore. Dall’OPBG di  Roma, poi, il trasferimento nella sede Palidoro. Sono le 21:30 del 1° gennaio e il Dott. Capozzi, aiutato dalla Dott.ssa Paola Valente e dall’équipe della Divisione, inizia un delicato intervento, che durerà 3 ore. Pulizia della cornea; pulizia del materiale fuoriuscito e liberazione della ferita chirurgica;  ricucitura dei lembi della cornea e ricostruzione dell’integrità dell’occhio. Tutto deve essere fatto con la massima celerità e al tempo stesso con estrema precisione. 

“Siamo riusciti a non enucleare il bulbo – spiega il dott. Capozzi uscendo dalla sala operatoria – e l’operazione ne ha salvato l’anatomia, almeno da un punto di vista estetico, e speriamo anche la funzionalità. Gli accertamenti dei prossimi giorni ci diranno che danni ha avuto. Ma – sostanzialmente – l’occhio è salvo”. Il bambino resterà ricoverato a Palidoro. Efficiente come sempre la collaborazione con Roma, ma una volta di più si può comprendere come la presenza di una TAC anche a Palidoro costituisca una priorità. “Le ferite perforanti come questa – aggiunge Capozzi – sono le più gravi urgenze oculistiche, non solo in questo periodo dell’anno. Noi ne siamo consapevoli ed è per questo che siamo stati pronti ad effettuare un intervento così delicato con tanta tempestività”.

Più informazioni su