Seguici su

Cerca nel sito

CasaPound Italia  si schiera al fianco i lavoratori della clinica “Villa dei Pini”

Linda Zaratti: "No al meccanismo delle scatole cinesi"

Più informazioni su

Il Faro on line – Lo striscione che campeggia lungo il muro di cinta della clinica è provocatorio ed eloquente: “La clinica vuole uccidere 53 famiglie”. “Con questo striscione vogliamo portare l’ attenzione – spiega Linda Zaratti referente locale di CasaPound Italia – sull’imminente licenziamento di 53 dipendenti amministrativi a tempo indeterminato presso la struttura sanitaria di Anzio. La società Merinvest, proprietaria e gestore della clinica, ha proposto alle compagini 
sindacali un accordo con il quale ridurre i licenziamenti da 53 a 50 ma il dialogo non è andato a buon fine. Per legge non può essere tagliato il personale sanitario e di conseguenza il mirino si sposta inesorabilmente sugli altri settori. La motivazione ufficiale è quella legata all’esubero ma a questo punto chiediamo alla Merinvest per quale motivo una trentina di licenziati verrebbero poi riassunti da una cooperativa alla quale si darebbe l’appalto dei servizi amministrativi della clinica”.

“Appare fin troppo evidente – prosegue la Zaratti – che si tratti solamente di scatole cinesi con le quali annientare i diritti dei lavoratori e conseguire elusivamente vantaggi in conto economico, in quanto è noto che le cooperative prevedano trattamenti economici e previdenziali assai peggiorativi rispetto a quelli garantiti dal CCNL per il settore della sanità privata. Pretendiamo pertanto che si faccia chiarezza e che si tutelino coloro che per anni hanno apportato il 
loro contributo lavorativo nonostante il rispettivo trattamento economico fosse fermo al 2004″. “Già nella giornata di ieri sono cominciate ad arrivare le prime lettere di licenziamento con decorrenza 13.1.2014 in cui si invitano i destinatari a recuperare i propri effetti personali dagli armadietti e a recarsi presso la cooperativa con sede a Pomezia per i colloqui volti all’eventuale riassunzione tramite questo nuovo soggetto.

CasaPound Italia – conclude infine Zaratti – scenderà in campo per  sostenere e dar voce a coloro che rischiano di essere economicamente uccisi da chi manovra il concetto di crisi economica per sistemare il proprio bilancio”.

 

Più informazioni su