Seguici su

Cerca nel sito

“Serve un intervento urgente per fermare l’erosione della spiaggia”

Una delegazione di Fare Verde visita la Riserva naturale delle Saline. Presenti i consiglieri regionali Silvia Blasi (M5S) e Daniele Sabatini (Ncd)

Più informazioni su

Il Faro on line – Una delegazione dell’associazione ambientalista Fare Verde ha effettuato ieri mattina, domenica 12 gennaio 2014, una visita alla Riserva Naturale Salina di Tarquinia che si trova a Tarquinia Lido (VT). Il gruppo di ambientalisti era guidato dal presidente nazionale Francesco Greco e dal suo vice Silvano Olmi, quest’ultimo cittadino tarquiniese. Il personale del Corpo Forestale dello Stato ha accompagnato la delegazione a visitare l’oasi di ripopolamento animale e a prendere visione della forte erosione della costa. Infatti, da diversi anni le mareggiate invernali colpiscono la spiaggia e le onde del mare stanno minacciando l’esistenza stessa dell’oasi. “Ancora pochi metri – ha detto Silvano Olmi, vice presidente nazionale di Fare Verde – e il mare entrerà nelle vasche delle Saline, con danni gravissimi per questa area naturalistica inimitabile. Occorre un intervento urgente per contenere il fenomeno”.

Proprio per sollecitare le autorità competenti, Fare Verde ha invitato al sopralluogo i consiglieri regionali eletti in provincia di Viterbo. Sia Silvia Blasi del movimento cinque stelle che Daniele Sabatini del nuovo centro-destra si sono detti pronti a sollecitare la Regione Lazio per mettere in atto opere a mare per la protezione della spiaggia. Il consigliere Enrico Panunzi del partito democratico, assente giustificato per un impegno preso in precedenza, ha confermato telefonicamente la sua piena disponibilità.

“L’erosione marina – ha dichiarato Francesco Greco, presidente nazionale di Fare Verde – colpisce gran parte della costa italiana. È un problema che metteremo in risalto il 26 gennaio prossimo con la manifestazione ‘Il mare d’inverno’, patrocinata dal Ministero dell’Ambiente e che vedrà i nostri volontari pulire le spiagge italiane dai rifiuti”.

Più informazioni su