Seguici su

Cerca nel sito

Criminalità, sigilli a 15 immobili, autovetture e conti correnti

Latina, nuovo sequestro a carico del noto pregiudicato pontino De Bellis

Più informazioni su

Il Faro on line – Il nuovo anno si apre con i migliori auspici in termini di prevenzione e repressione dei reati nella provincia pontina con un nuovo sequestro di beni operato dalla polizia di stato che, su impulso del Questore di Latina, Alberto Intini,continua la sua attività  per far emergere illegalità e utilità “guadagnate” illecitamente. Nel concreto, gli uomini dell’Ufficio Misure di prevenzione Patrimoniale e Personali  hanno eseguito in queste ultime ore un nuovo decreto di sequestro del Tribunale di Latina  di tutti i beni riconducili a De Bellis Maurizio, 47 anni, legato da sempre agli ambienti della droga. L’ultima volta che le cronache locali hanno parlato di lui è stato prima delle festività natalizie quando è stato arrestato dai  Carabinieri del Comando Provinciale di Latina, nell’ambitodi una vasta operazione antidroga denominata “Balena Bianca”.

Le indagini condotte su disposizione della Procura di Latina consentirono ai militari dell’Arma dei Carabinieri di smantellare una importante organizzazione di narcotrafficanti con l’esecuzione di circa 30 ordinanze di misure cautelari tra il carcere e gli arresti domiciliari, con il sequestro di beni fittiziamente intestati a terzi per eludere accertamenti patrimoniali, ma tutti riconducibili al vertice del sodalizio. Sul conto di uno dei capi della predetta organizzazione,in parallelo alle indagini penali, la Divisione Anticrimine ha iniziato una serie di capillari accertamenti patrimoniali da cui è emerso l’arricchimento illecito del pregiudicato il cui patrimonio accumulato nel corso degli anni  era connotato dal “vizio di origine” della provenienza illecita. Fin da ragazzo De Bellis “militava”nelle piccole bande di minorenni che si riunivano per la commissioni di furti vari.

Nel corso degli anni ha subito varie condanne anche per reati molto gravi quali tentato omicidio in concorso, violazione della normativa sulle armi, detenzione abusiva di armi, lesioni personali e varie volte condannato per detenzione illecita di sostanze stupefacenti. Anche le sue frequentazioni di pregiudicati sono collegate allo spaccio di stupefacenti. Gli investigatori, quindi, hanno chiesto ai giudici non solo la misura personale per sottoporre il De Bellis ad un maggior controllo ma anche quella patrimoniale perché secondo le risultanze degli accertamenti le consistenze del De Bellis, (disoccupato e che non ha quasi mai presentato una dichiarazione dei redditi) sono da  considerarsi  frutto di un accumulo illecito.

In tale contesto, i magistrati, condividendo le ipotesi della polizia giudiziaria hanno ritenuto che tutte le sue disponibilità appaiono indiziariamente sproporzionate rispetto ai redditi dichiarati dall’intero gruppo familiare avendo motivo di ritenere che essi siano il risultato di attività illecite ovvero ne costituiscano il reimpiego. Il complesso mobiliare, immobiliare e finanziario sequestrato, per un valore di circa 2 milioni di euro, intestato al proposto, al coniuge, alla madre e alle tre figlie si concretizza in 15 beni immobili, 2 autovetture, 1 conto correnti, 3 libretti postali.

Più informazioni su