Seguici su

Cerca nel sito

Decoro urbano: rimosse le bacheche abusive del centro storico

Il Sindaco Pascucci: "La pubblica informazione è importante e necessita di regole"

Più informazioni su

Il Faro on line – Sono state rimosse le bacheche abusive che campeggiavano in Piazza Aldo Moro, all’altezza di Piazza Risorgimento. “Un atto dovuto – ha commentato il Sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci – al quale seguirà, come è ben scritto sul nostro programma elettorale, una nuova iniziativa per garantire un’informazione più puntuale e più capillare mediante l’installazione di nuove bacheche pubbliche messe a disposizione delle forze politiche della città”.
Le due bacheche, diverse per forma, grandezza e colore, un vero pugno nell’occhio nella cornice del centro storico, non avevano nessun collegamento con la vita istituzionale della città di Cerveteri. “Non si capisce in che modo venissero gestite queste bacheche – ha spiegato il Sindaco Pascucci – chi ne detenesse le chiavi e chi fosse titolato ad utilizzarle. E ciò non è accettabile perché stiamo parlando di un mezzo di informazione pubblica di fondamentale importanza. Gli Uffici comunali si sono premurati di ricercare e contattare più volte i referenti per comunicare l’obbligo di rimozione, stabilito addirittura nel lontano 2004, con l’ordinanza n. 1, ribadito poi nel 2006 e fino ad oggi disatteso. Decorsi tutti i termini di legge senza che nessuno avesse di che eccepire mediante ricorso, gli operai del Comune hanno proceduto alla rimozione delle bacheche abusive”.
“La nostra Amministrazione aveva preso l’impegno di aumentare le possibilità di comunicazione date a tutte le forze politiche, tanto di maggioranza quanto di opposizione – ha proseguito Pascucci – ma per fare ciò non si può prescindere dal fissare delle regole. Abbiamo programmato l’installazione di nuove bacheche pubbliche da posizionare in aree idonee, e che siano ben integrate con l’ambiente circostante. Non soltanto, quindi, sostituiremo le bacheche ma ne installeremo di nuove a Cerenova e a Valcanneto e, in futuro, nelle altre frazioni”.

Più informazioni su