Seguici su

Cerca nel sito

“Bando spiagge: documento vuoto e privo di linee politiche”

Notturni: "Qual è dunque la differenza tra questa amministrazione e quella passata? Cosa ne è stato di tutte le belle parole spese in campagna elettorale?"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Bando spiagge: la maggioranza in Consiglio municipale è ormai svuotata di ogni funzione politica. E svolge il mero ruolo di passacarte della giunta. La dimostrazione si è avuta ieri, nel corso del consiglio municipale”. Lo dichiara Giulio Notturni, capogruppo della Lista Marchini del municipio  X di Roma Capitale.

“Dopo un imbarazzante iter di approdo del documento in aula (2 capigruppo e 1 commissione ambiente svolti senza che l’opposizione avesse il testo della risoluzione da votare) abbiamo assistito ad un consiglio anche peggiore. Siamo stati costretti a votare una risoluzione vuota e priva di qualsiasi visione politica per lasciare alla Giunta mano libera di poter fare e disfare il bando a suo piacimento. Per l’ennesima volta il consiglio municipale, che dovrebbe essere l’organo di indirizzo politico, è stato svuotato di ogni funzione politica ed è stato costretto ad accettare supinamente le future decisioni della Giunta. È un atteggiamento che svilisce il Consiglio nella sua valenza politico-istituzionale. I pochi emendamenti approvati sono il maldestro tentativo di dare un’immagine di apertura che, però, non fa altro se  non far emergere, con ancora maggiore chiarezza, l’ipocrisia di un atteggiamento arrogante e irresponsabile”.

“Sono stati anche capaci di bocciare un mio emendamento che prevedeva, per meglio combattere il rischio di infiltrazioni della criminalità organizzata,  l’ausilio di un magistrato o di un delegato della questura di Roma, per la redazione del Bando. E pensare che su questo punto avevano, nella passata consiliatura, occupato l’aula per protesta. Quale è dunque la differenza tra questa e la passata amministrazione? Cosa ne è stato di tutte le belle parole spese in campagna elettorale? Hanno preferito levarsi di dosso la responsabilità di votare una delibera, trincerandosi dietro fantomatiche competenze degli Uffici amministrativi, senza avere il coraggio di ammettere che lasciano ogni potere politico alla giunta. E il tutto, purtroppo, con il voto favorevole del Movimento 5 Stelle. Ieri si è persa una grande occasione di costruire insieme il futuro del nostro territorio”.

Più informazioni su