Seguici su

Cerca nel sito

“Il nuovo bando dei vigili? Una ciofega”

I gruppi di opposizione di centrodestra di Fiumicino: "Non prevede graduatorie a tempo indeterminato e mortifica il ruolo degli agenti"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Hanno bloccato per un anno un bando per l’assunzione di vigili urbani millantando chissà quali miracoli per poi presentarsi oggi con una ‘ciofega’, un concorso ridicolo, che non dà alcuna speranza ai nostri giovani, non prevede assunzioni a tempo indeterminato e dimezza le competenze dei nuovi agenti mortificandone il ruolo. Un record”. Lo affermano i gruppi consiliari di opposizione di centrodestra che rincarano la dose. 

“Mentre il precedente bando, prima stoppato e poi revocato da Montino e soci, garantiva graduatorie a tempo indeterminato alle quali avrebbero potuto attingere anche comuni limitrofi e l’assunzione stagionale di circa 50 agenti da impiegare per dieci mesi l’anno, il nuovo “bando dei miracoli” presentato dalla sinistra non contempla niente di tutto ciò, ma solo precariato, graduatorie a tempo determinato e il taglio netto del 50 per cento delle assunzioni che scendono così a 25.In questo modo non solo si castra la possibilità di stabilizzazione ai partecipanti (a differenza di quanto fatto nei precedenti cinque anni: le assunzioni a tempo indeterminato sono state decine e decine) ma anche qualsiasi ipotesi di crescita professionale. Prevedendo soltanto un tipo di figura nel bando non si garantisce una formazione a trecentosessanta gradi e dunque nessuna possibilità di “carriera” all’interno del corpo della polizia locale”.

“Ultimo problema: Chi ha versato la quota d’iscrizione per il precedente bando poi annullato e non parteciperà al nuovo? Che farà? Il comune restituirà la tassa? Su questo silenzio di tomba”.

“Avevano promesso chissà quali ricette, chissà quali rivoluzioni. Ma dopo un anno ci ritroviamo, anche qui, con tante promesse in mano e risultati zero, con un bando arruffato e lacunoso che probabilmente serve di più a soddisfare delle piccole esigenze che non a risolvere i problemi di un corpo come la polizia locale sotto organico”.

“Ogni anno – concludono – la precedente amministrazione riusciva a garantire lavoro a 50 agenti impiegati per dieci mesi stanziando tra i 600mila e gli 800mila euro per assunzioni e attrezzature per la polizia locale, mentre oggi non si sa ancora quale cifra verrà erogata. Negli anni scorsi abbiamo dato la possibilità a decine e decine di agenti di essere stabilizzati accedendo a un contratto a tempo indeterminato. Oggi di tutto questo non c’è più alcuna traccia. Per chi ha fatto della tutela del lavoro una filosofia, non proprio una bella figura”.

Più informazioni su