Seguici su

Cerca nel sito

“Prima le infrastrutture poi il Porto commerciale”

Fare Fiumicino: "Diamo la precedenza ai cittadini, al territorio e alle imprese locali, poi a tutto il resto"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Negli ultimi mesi abbiamo letto e ascoltato da più parti toni entusiastici sul nuovo porto commerciale di Fiumicino, politici che esultano e chiedono immediatamente che si inizino i lavori di realizzazione, grandi aziende e imprenditori estasiati da questa prospettiva. Sia chiaro, anche noi siamo favorevoli ad un porto commerciale che possa portare sulle nostre sponde flussi turistici e nuova linfa vitale all’economia del territorio, quello che ci preoccupa è che si metta il carro davanti ai buoi costruendo il porto commerciale prima ancora di aver realizzato tutte le necessarie infrastrutture viarie e legate alla mobilità del territorio”. E’ quanto afferma Alessandro Marocchini, referente di Fare Fiumicino che spiega: “In questo momento l’assetto viario del nostro comune è a dir poco fragile, basta osservare il traffico che ogni giorno insiste sull’asse sud dell’Isola Sacra, in quel territorio percorso da via dell’aeroporto. Il ponte della scafa è ormai diventato un infernale imbuto in cui si riversano centinaia di pendolari ogni giorno, bloccando il normale traffico cittadino per ore, ma anche altre arterie del comune non godono di una situazione migliore. In questa situazione ci chiediamo francamente come si possa pensare di costruire un’infrastruttura come il nuovo porto commerciale che, ricordiamolo, ospiterà anche le navi RO-RO, cioè le navi merci, senza prima un’adeguata infrastruttura viaria e di mobilità e senza un’adeguata pianificazione che tega conto del nuovo traffico che si riverserà sulle nostre strade. E’ francamente assurdo”.

“Sul sito dell’autorità portuale, alla pagina http://www.portidiroma.it/front_progetti/fiumicino, sezione ‘Collegamenti e people mover’ c’è un elenco di lavori infrastrutturali prioritari che devono essere eseguiti per garantire un’adeguata viabilità, lavori non ancora eseguiti; nella sezione ‘Messa in sicurezza idraulica della foce e nuovo ponte pedonale’ ci sono dei lavori da eseguire per la messa in sicurezza della foce e del territorio, lavori non ancora eseguiti. Insomma, prima di iniziare a cantierare il porto è il caso di eseguire (almeno parallelamente) questi lavori, non vorremmo che alcuni, in preda alla bramosìa di denaro, se ne fregassero sia del nostro ecosistema, fragile e da tutelare, sia delle necessarie infrastrutture viarie e di mobilità, senza il quale ci sarebbe il caos”.

“Noi di Fare pensiamo prima ai cittadini, al territorio e alle imprese locali, poi a tutto il resto. Detto questo – conclude Alessandro Marocchini, referente di Fare Fiumicino – auspichiamo che questo nuovo porto commerciale sia un’occasione di rilancio sia per il turismo che per l’economia del nostro territorio e speriamo che non diventi l’ennesimo piatto ricco per gli appetiti di qualche grande impresa a cui non importa nulla ne del territorio ne di chi lo abita”.

Più informazioni su