Seguici su

Cerca nel sito

Tassone: “Lungomare di Ostia, stop ai progetti faraonici”

"Ci deve essere comunità di intenti da parte di tutti gli attori per far ripartire l’economia di questa città"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Siamo convinti che le grandi trasformazioni urbane possono iniziare dalle piccole cose. E’ da troppo tempo che sentiamo parlare di progetti faraonici di riqualificazione del mare di Roma, ma di questo sviluppo non se ne è vista traccia”.

Lo ha detto il presidente del X Municipio di Roma Capitale Andrea Tassone, intervenuto alla “Giornata dei partner” organizzata da Assobalneari Roma. “Abbiamo una serie di problemi che non si risolvono chiudendosi a riccio ma rilanciando tutti insieme un progetto nuovo e fattibile di città. E’ impensabile che il territorio, la politica e gli imprenditori viaggino a velocità diverse, perché se non si viaggia all’unisono si va fuori campo. Ci deve essere, invece, comunità di intenti da parte di tutti gli attori per far ripartire l’economia di questa città, attraverso per esempio le pedonalizzazioni e le manifestazioni che favoriscono l’afflusso di gente sul lungomare di Roma. Questa amministrazione di concerto con quella capitolina ha il dovere di insistere. Dopo l’anno zero del 2013, quando il nostro territorio è stato mortificato da inchieste giudiziarie e amministrative, siamo convinti che questa estate sarà quella del rilancio turistico. Roma non può non prescindere dal suo mare: questo deve essere chiaro a tutti perché insieme ce la possiamo fare”.

“Durante la manifestazione ‘Ostia mon amour’, che prevede la pedonalizzazione del lungomare di Ostia, oltre all’aria pedonalizzata di piazza Anco Marzio, non saranno autorizzati gazebo di promozione di qualsiasi forza o movimento politico. Potranno invece essere previsti gazebo o punti informativi per iniziative di beneficenza e raccolta fondi per la ricerca scientifica. Il lungomare pedonale non deve essere una vetrina elettorale”.

Più informazioni su