Seguici su

Cerca nel sito

Anziani, i consigli per evitare le truffe

Il prossimo 18 aprile seminario dell’Associazione di promozione sociale “Sempre Giovani” e della Polizia

Più informazioni su

Il Faro on line – Bancomat e specchietto della macchina, sono solo due delle decine di “trucchi” messi in campo dai truffatori. Tra i più colpiti ci sono soprattutto loro, la fascia più debole della popolazione, gli anziani. Che vengono seguiti, studiati nei movimenti e controllati a distanza. Poi, al momento opportuno, avvicinati e derubati magari della pensione appena prelevata all’Ufficio postale. Ma, purtroppo, non sono gli unici ad essere presi di mira dai malviventi che, sempre più spesso, mettono in scena delle vere e proprie “recite” finalizzate a raggirare o truffare i malcapitati.

Proprio per fornire informazioni sui principali metodi di raggiri perpetrati ai danni dei cittadini e per dare consigli su come fronteggiare le frodi e i truffatori, l’associazione “Sempre Giovani”, con l’aiuto dell’amministrazione comunale di Anzio, ha organizzato un incontro con Dirigenti e Funzionari della Polizia di Stato. Sede dell’incontro sarà la Sala Consiliare del Comune di Anzio, presso Villa Sarsina, data dell’incontro: il 18 aprile dalle ore 17.00 alle ore 19.00.

A supporto degli argomenti trattati, l’associazione ha invitato l’avvocato Alessio Mauro e due incaricati di Società di Vigilanza privata, operanti sul territorio, la NPM GROUP e la HIGH SICURITY ZONE, che metteranno a disposizione le loro professionalità a beneficio di quanti desidereranno chiarimenti. Il seminario sarà aperto non solo ai soci dell’Associazione, ma a tutti coloro che vorranno partecipare e saperne di più sulle frodi che, ogni giorno, vengono messe in atto ai danni dei cittadini. Verrà spiegato che chi truffa, in genere, è una persona che vuole fiducia e cerca di proporre, quasi sempre, un affare. Oppure si avvicina con fare circospetto, oppure si finge funzionario Inps o Enel, oppure ancora finge che la vostra auto abbia rotto lo specchietto retrovisore della sua e, pertanto, vi convincerà ad esborsare la somma di 100 o 200 euro per farlo riparare, senza ricorrere alle assicurazioni ed evitare, in questo modo, sfuggire la tirannia della Bonus-Malus.

Il consiglio delle forze dell’ordine, in caso di raggiro, è sempre lo stesso: non scendere dall’auto, oppure non farsi avvicinare da nessuno, seppure ben vestito, non fornire alcuna generalità e, in caso di necessità, chiedere l’intervento di Polizia e Carabinieri. Di questo e molto altro si parlerà il 18 aprile, mentre è già in programma, in data ancora da definire, un altro incontro con il Compartimento di Polizia Postale e delle Comunicazioni di Roma, riguardanti i vari pericoli che la riguardano la rete (internet).
K.F.

Più informazioni su