Seguici su

Cerca nel sito

Fare Fiumicino sulla puliizia dei canali: “Quell’ordinanza è offensiva”

Marocchini: "Dove sono le prese di posizione di Montino su chi non ha pulito adeguatamente i canali di bonifica? E quale mea culpa fà il comune per l'intasamento delle fogne?"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Apprendiamo con stupore la nuova ordinanza del sindaco che punisce fino a 500 euro i privati che non puliscono il proprio fronte stradale occupandosi della pulizia di fossi, caditoie per le acque piovane, cigli, alvei e sponde dei corsi d’acqua. Riteniamo sostanzialmente inutile questa ennesima ordinanza della giunta Montino, cosi come è lo stata la precedente anti degrado: basta fare un giro per le strade del nostro comune per osservare i cumuli di immondizia che si accumulano ogni giorno accanto a cassonetti o sparsi per le nostre campagne. Finora non abbiamo mai visto le fantomatiche guardie ambientali sbandierate dal sindaco, sono diventate più rare degli Upupa che popolano questo territorio. Ci chiediamo a questo punto quali siano state le spese sostenute e quali siano i risultati oggettivi raggiunti. Ce lo chiediamo cosi come migliaia di cittadini che ogni giorno postano la loro insofferenza per questa situazione di degrado”. A parlare è il referente di Fare Fiumicino, Alessandro Marocchini.

“Inoltre – prosegue – questa ordinanza sembra totalmente irriguardosa verso i cittadini che hanno subito danni dopo gli ultimi tristi avvenimenti che hanno colpito il territorio: dove sono le sanzioni nei confronti degli enti pubblici che dovevano pulire i canali di bonifica, i canali di scolo e raccolta delle acque chiare, che dovevano sistemare gli alvei e i corsi d’acqua con lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria? Nessuna sanzione, nessuna presa di posizione, solo un grande silenzio e gravi responsabilità (che nessuno si è mai voluto prendere).“Ancora una volta i privati devono sostituirsi al pubblico. Dopo aver pagato una miriade di tasse, essere oppressi da burocrazia e malagestione pubblica, ancora una volta i cittadini devono metter mano al portafogli per sanare le tante mancanze di questa amministrazione e degli enti pubblici preposti alla pulizia di canali e strade.Enti pubblici che sono lautamente sovvenzionati tramite le tasse di cittadini e aziende di questo territorio. Ancora una volta trattati come bancomat viventi.

Siamo sempre in prima fila contro l’inciviltà di alcuni cittadini del nostro territorio ma questo non vuol dire che i privati debbano sostituirsi al pubblico. Non esiste, ognuno si prenda le proprie responsabilità. E’ troppo facile scaricarle su cittadini e imprese di questo territorio.” conclude Alessandro Marocchini.

Più informazioni su