Seguici su

Cerca nel sito

Il caso delle Torri monopolizza il Consiglio

Scontro aperto tra maggioranza e opposizione. Contestazione tra il pubblico

Più informazioni su

Il Faro on line – Si è svolto  ieri sera per la prima volta un consiglio comunale con l’aula stracolma di persone. Durante il consiglio è stato più volte alzato dal pubblico un cartello con scritto “SOS legalità” non appena si è parlato del problema delle “Torri”, il tristemente  famoso complesso immobiliare sito nel quartiere della Nuova California  occupato da una comunità rom che tanti problemi crea agli abitanti del posto ed alle forze di polizia. Ha iniziato a parlare il consigliere Antonino Abate che ha rimarcato il disinteresse del sindaco e dei suoi consiglieri a voler risolvere il problema. Non meno duro il capogruppo del Pd Stefano Ludovici, che nel suo discorso ha detto che sembra quasi ci sia un interesse nel voler mantenere certe realtà in quel plesso, che servono a far scendere il prezzo dell’asta. I due hanno ricevuto applausi a scena aperta.

Poi è stato il turno della maggioranza con il consigliere Acquarelli  di F.I che ha fatto notare che anche in altri paesi come Torvaianica i complessi immobiliari abbandonati perché sono sotto fallimento non permettono di sfrattare nessuno. Interessante il discorso del consigliere del Ncd Riccardo Iotti che – in controtendenza con la posizione del sindaco che poco prima aveva detto che non c’erano relazioni che attestavano lo stato insalubre e di pericolosità statica del plesso – ha mostrato alcune relazioni fatte dall’allora comandante della municipale Vito Ranaldi che dava ausilio ai vigili del fuoco che dichiararono il plesso pericoloso per le tante crepe e distacchi di rivestimento di pannelli; poi  ha fatto notare che si potrebbe agire da subito perché lo stato precario del plesso è noto da decenni. Anche qui applausi a scena aperta, un riconoscimento per l’interessamento e la preparazione che ha mostrato in consiglio, segno di un reale interesse per la risoluzione del problema.

Ha concluso il sindaco che prima ha criticato il consigliere Abate, poi il capogruppo Ludovici; il sindaco ha garantito comunque che presto il problema sarà risolto, che il suo impegno è massimo e che tra l’altro ha già preso accordi sia con il curatore fallimentare del plesso sia con il giudice che ha in mano il fallimento.  Il consiglio è proseguito con gli interventi del consigliere del Pd Giordani e del  consigliere Capraro del PSI che come era prevedibile ha criticato aspramente il presidente del Consiglio.

Il Consiglio è proseguito co n l’approvazione degli unici due punti all’ordine del giorno: debiti fuori bilancio e  approvazione del regolamento relativo alle fiere e feste paesane.
Luigi Centore
 

Più informazioni su