Seguici su

Cerca nel sito

Scm, concessi dalla Regione altri 6 mesi di cassa integrazione straordinaria

Prossima la riapertura di un bando pubblico per l’affitto del sito

Più informazioni su

Il Faro on line – La Regione Lazio ha concesso, ieri mattina, altri sei mesi di cassa integrazione straordinaria ai lavoratori della SCM di Latina Scalo. Sessantuno persone che possono tirare un sospiro di sollievo considerata la ormai prossima data del 17 aprile quando, terminato il periodo di cassa, si sarebbe aperto quello del licenziamento e dell’ingresso nelle liste di mobilità. In questo modo invece rimarranno ancora agganciate all’azienda e continueranno l’assemblea portata avanti, ormai da 310 giorni all’interno dello stabilimento per difendere il loro posto di lavoro e quegli impianti, dei quali hanno la massima cura, nella speranza di poterli riaccendere quanto prima.

“Vengono così fugati – spiega una nota della Femca Cisl Latina –  i timori di quanti temevano che la regione non concedesse la proroga ed eliminate le obiezioni di quei gufi che avevano dichiarato pubblicamente le loro perplessità di carattere tecnico-procedurali sulla praticabilità di una simile soluzione. L’azione congiunta della Femca Cisl, dei lavoratori e del curatore fallimentare nominato dal tribunale di latina, che aveva inviato richiesta di proroga della cassa integrazione, ha  invece convinto i funzionari della Regione a concedere altri sei mesi di ammortizzatori sociali, anche a fronte di una manifestazione di interesse, da parte di una società, verso il sito emersa in questi giorni. Una manifestazione limitata nell’intervento e nel numero di persone da riassorbire, ma che permetterà la riapertura di un bando pubblico per l’affitto del sito, destinato a tutti coloro che abbiano interesse ad investire e rilanciarne l’azione.

Abbiamo assistito – prosegue la nota – alla firma dell’accordo da parte di organizzazioni sindacali da tempo sparite dall’azienda, a dimostrazione di come sia facile arrivare a mettere una sigla dopo che altri hanno portato avanti, in questi mesi, un duro e paziente lavoro. Questo grazie a quei lavoratori e lavoratrici che si sono prodigati giorno e notte, mentre altri loro colleghi, comodamente a casa, oggi godono di ulteriori sei mesi di ammortizzatori sociali.

”Questo ulteriore periodo di cassa, “strappata” con molta fatica alla Regione – afferma Roberto 
Cecere segretario generale della Femca Cisl di Latina – ci servirà per guadagnare ulteriore tempo 
alla ricerca di un imprenditore che voglia impegnarsi nel rilanciare il sito e sostenere l’occupazione. 
Queste persone, che dal maggio del 2013, giorno e notte presidiano ininterrottamente il loro 
stabilimento, hanno tutto il nostro sostegno nell’ azione di lotta, anche se dobbiamo constatare, con molto rammarico, che intorno a questa vicenda sono nate recentemente dichiarazioni e prese di posizione che non aiutano certo la soluzione della vertenza in atto”.

Più informazioni su