Seguici su

Cerca nel sito

“Roma-Latina, intervenga la Corte dei Conti”

L'intervento del consigliere regionale di Forza Italia, Antonello Aurigemma

Più informazioni su

Il Faro on line – “Nella seduta odierna della Commissione Lavori Pubblici, che prevedeva l’audizione dei soggetti interessati alla realizzazione e gestione dell’infrastruttura più importante della nostra regione, la Roma-Latina, l’Ing. Avelardi, Amministratore della società Autostrade per il Lazio, ha dichiarato che la realizzazione della Roma –Latina è considerata tra le opere concessionarie con più alto reddito di tutte quelle italiane. Proprio per questo motivo non riusciamo a comprendere come mai la regione Lazio, che aveva istituito una società partecipata al 51%, oggi voglia uscire da questo progetto rinunciando ad utili milionari per i prossimi 50 anni, e non comprendiamo neanche i motivi per i quali non si sia presentato all’audizione il Presidente Zingaretti”. Lo dichiara il Consigliere Regionale di Forza Italia Antonello Aurigemma.  

“L’atteggiamento tenuto dal Presidente, oltre a evidenziare scarso rispetto delle Istituzioni, dimostra la leggerezza e superficialità con cui questa Giunta affronta argomenti di tale rilevanza. Senza parlare dei contenziosi, instaurati dai soci privati, che ad oggi vedono soccombere la Regione per circa 100 milioni di euro e che verranno pagati dai cittadini del Lazio. Quali sono i motivi per i quali il Presidente Zingaretti vuole rinunciare agli utili del pedaggio? Perché la Regione deve pagare i danni che scaturiscono da queste scelte? Per quale motivo il Presidente Zingaretti sfugge alle convocazioni e non da risposte alle interrogazioni?”.

“Per questo motivo, oltre a ribadire con forza e determinazione la presenza del presidente Zingaretti per avere le giuste motivazioni su questa scelta strategica, chiederemo un deciso intervento dell’organo amministrativo competente sul controllo dell’amministrazione regionale, la Corte dei Conti, per evitare che i cittadini della nostra regione si facciano carico di pagare le scelte sbagliate che vengono fatte dall’amministrazione di centrosinistra”.

Più informazioni su