Seguici su

Cerca nel sito

Consorzi di bonifica: primo avvio della campagna irrigua per migliaia di imprese

Grazie all’azione di coldiretti Pasqua serena per i 200 dipendenti

Più informazioni su

Il Faro on line – Grazie all’azione portata avanti da Coldiretti Latina in queste settimane sono arrivate le prime risposte per la vertenza che riguarda l’attività dei consorzi di Bonifica che operano nel pontino. “Dobbiamo ringraziare la Provincia – esordisce Saverio Viola direttore della sede di Coldiretti – che ha reso disponibili oltre 400mila euro per il consorzio dell’Agro Pontino e più di 100mila per quello del Sud Pontino. Grazie a tutto ciò è stato possibile regolarizzare la retribuzioni dei circa 200 dipendenti delle due strutture garantendo altresì l’avvio della attesa campagna irrigua. Un grazie quindi – spiega ancora Viola – ai dirigenti della Provincia Carissimo e Favalle che si sono adoperati con le proprie strutture a rendere immediatamente disponibili tali somme”.

Insomma un sospiro di sollievo davvero importante che però non scongiura e non chiude la mobilitazione di Coldiretti a tutela dell’attività consortile. “La nostra mobilitazione – spiega Carlo Crocetti, presidente della Coldiretti di Latina – resta in piedi con gli appuntamenti della prima decade di maggio pronti ad essere declinati per ottenere risposte definitive e chiare circa i milioni di crediti che le strutture consortili vantano”.

Anche la Prefettura ha fatto la propria parte – chiosa ancora Viola – mentre qualche altro addetto ai lavori continua a voler parlare di buco milionario noi, senza strumentalizzare un bel niente, lavoriamo per ottenere risposte concrete. Una grazie anche all’istituto di credito che ha permesso di assicurare ai dipendenti le proprie spettanze con bonifici a tempo di record. Si tratta di una prima risposta – conclude Viola – alla quale auspichiamo che arrivino altri segnali positivi utili a dare tranquillità a quanti lavorano nelle strutture consortili e la campagna irrigua alle migliaia di imprese agricole interessate”.

Più informazioni su