Seguici su

Cerca nel sito

Antica Roma, nell’acqua valori di piombo 100 volte superiori a oggi

E' la ricerca coordinata dall'università francese Lumiere, di Lione

Più informazioni su

Il Faro on line – L’acqua che bevevano gli antichi romani conteneva una quantità di piombo 100 volte superiore rispetto a quella presente nelle sorgenti, ma non costituiva comunque una seria minaccia per la salute. A descrivere esattamente per la prima volta la qualita’ dell’acqua dell’antica Roma e’ la ricerca coordinata dall’universita’ francese Lumiere, di Lione, e pubblicata sulla rivista dell’Accademia delle scienza degli Stati Uniti, Pnas.

I ricercatori, coordinati da Hugo Delile, si sono basati sui campioni dei sedimenti prelevati dall’antico Canale Romano, che collegava il Tevere alla Fossa Traiana, nelle vicinanza del Porto di Traiano e del Porto di Claudio, nella zona in cui oggi si trova Fiumicino. I dati sono stati inoltre confrontati con quelli ottenuti analizzando i sedimenti nella zona che precede il delta del Tevere e cinque tubature di piombo del periodo compreso fra primo e secondo secolo. Quello che emerge, scrivono i ricercatori, e’ ”un diffuso aumento della quantita’ di piombo presente nel sistema di distribuzione dell’acqua potabile”. Questo ”attesta in modo indiscutibile il generale inquinamento da piombo nell’acqua dell’antica Roma, anche se le concentrazioni di questo metallo erano a livelli non tali da rappresentare una minaccia per la salute”.

(Fonte Ansa)

Più informazioni su