Seguici su

Cerca nel sito

“Ground Care, situazione drammatica. Istituzioni assenti”

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa a firma di Cristian Terrevoli, presidente del Movimento Progetto Tricolore

Più informazioni su

Il Faro on line – “Lo sconcerto e la rabbia è poca cosa rispetto al triste epilogo nel quale è coinvolta la Ground Care spa società aeroportuale di servizi a terra. Non ci sono più parole il dato è tratto e le assemblee sindacali in fase di svolgimento all’interno dello scalo testimoniano il momento drammatico in cui vive il sistema dei servizi a terra di Fiumicino”. E’ quanto afferma il leader del Movimento Progetto Tricolore Cristian Terrevoli.

“La storia di questa azienda è triste e parte da lontano, oggi la ex Adr Handling la più grande società di servizi a terra operante a Fiumicino e Ciampino è in mano ad un giudice il quale entro il 29 aprile 2014 è chiamato a sentenziare sulla procedura concordataria ancora in atto. Cessione di ramo d’azienda prima e cambi societari poi oltre che a quattro anni di cassa integrazione ed il concordato preventivo non serviti a scongiurare una crisi irreversibile che sta sottoponendo ad uno stress senza precedenti tutti i lavoratori costretti ad accettare oltre tutto anche un accordo sindacale per mezzo del quale vengono colpiti alcuni istituti nella busta paga con notevoli risvolti negativi sul salario.

Questo accordo aveva il compito di spianare la strada al  subentro di un eventuale soggetto pronto a dare una continuità aziendale ma questo non ha prodotto i risultati sperati.
Le dinamiche che hanno caratterizzato le  trattative descrivono il momento speculare dei soggetti interessati al subentro i quali cercano di ottenere il massimo della convenienza  da tale situazione.
Ovviamente a queste si sovrappongono quelle delle organizzazioni sindacali che spesso hanno operato in assenza di unitarietà con le conseguenze del caso rendendo il clima intrinso di divisioni e di contraddizioni.

Lo scalo di Fiumicino oggi è ridotto ad una polveriera con sette società di handling che operano per uno stesso fine, strapparsi i vettori fra di loro  con colpi  di sconti che gridano vendetta ad un sistema al collasso e  senza più regole . In tutto questo l’atteggiamento di Aeroporti di Roma è inaccettabile, le istituzioni non possono stare a  guardare. Le responsabilità non sono di un singolo ma di un  intero sistema, ed il fenomeno  che oggi colpisce Ground Care potrebbe attaccare gli altri handlers con risultati disastrosi.

“Vorrei concludere – afferma ancora Cristian Terrevoli, leader e Presidente del Movimento Progetto Tricolore – evidenziando quante cose sono state dette nella passata campagna elettorale comunale; ricordo  quanta attenzione è stata riservata all’aeroporto , quanta sensibilità allo sviluppo e all’occupazione… Erano tanti i spot del momento peccato che però servivano  per accaparrare voti, ad oggi soltanto il silenzio denota lo status di una politica assente  ed appiattita la quale sta guardando alle prossime tornate elettorali europee senza alcun interesse verso la crisi che sta colpendo il Leonardo da Vinci. A questo punto c’è da chiedersi a  quali cavalli di battaglia si attaccheranno  il prossimo Maggio  per fare incetta di  voti visto che il tema dell’aeroporto è stato ampiamente utilizzato…”

Più informazioni su