Seguici su

Cerca nel sito

“Villa Guglielmi, primo maggio a rischio”

Lo dichiarano i consiglieri comunali Raffaello Biselli e Giuseppe Picciano

Più informazioni su

Il Faro on line – “Con le ultime festività, Pasqua, Pasquetta e il lungo ponte del 25 Aprile (non fortunatissimo a dir la verità dal punto di vista meteorologico), sono tornati d’attualità due problemi che ormai non possono più essere ignorati: la manutenzione di Villa Guglielmi (l’erba è alta almeno mezzo metro) e la realizzazione di bagni all’interno del parco”. Lo dichiarano i consiglieri comunali Raffaello Biselli e Giuseppe Picciano.

“È necessario avviare l’iter, anche se si sa già sarà lungo e complesso, per installare dei servizi igienici nella Villa. Ce lo chiedono i nostri cittadini. Ce lo chiedono tutte quelle centinaia di famiglie che durante il week end, soprattutto in primavera ed estate, frequentano l’unica area verde accessibile a Fiumicino”.

“Come opposizione negli ultimi due bilanci abbiamo provato a presentare delle proposte in tal senso che per un motivo o un altro sono state bocciate e rispedite al mittente. Qui non si tratta di una battaglia di questo o quell’altro schieramento, ma di una necessità dell’intera città. L’auspicio è che già dal prossimo assestamento di bilancio possano essere messi in preventivo dei fondi per installare almeno cinque o sei bagni chimici in attesa di avviare il percorso per realizzare dei bagni veri e propri a disposizione dell’intera cittadinanza”.

“Il problema è di fondo: va rivista l’intera concezione della Villa. Con le ultime festività ci siamo trovati di fronte ad alcune ambiguità: un’area cani sfalciata e un parco con l’erba alta mezzo metro. Per chiunque è stato quasi impossibile fare i pic nic di routine. Il rischio che il primo maggio finisca nella stessa maniera è alto. Non è pensabile che le grandi aree verdi, quelle maggiormente frequentate, vengano sfalciate in primavera e in estate una volta al mese. Se il vecchio bando non funziona lo si modifichi. Ma Villa Guglielmi va valorizzata”.

Più informazioni su