Seguici su

Cerca nel sito

Rapina a mano armata in gioielleria. Fiumicino sotto schiaffo

Colpo a "Cose Italiane" in pieno centro, di mattina, a volto scoperto. Si cercano due uomini e due donne

Più informazioni su

Il Faro on line – E’ l’ennesimo episodio. Una sequenza impressionante, almeno per un territorio come Fiumicino che di rapine ne aveva contate poche fino ad oggi. E invece nell’ultimo anno tra assalti agli uffici postali, ai punti scommesse, ai bar (l’ultima rapina c’è scappato persino il morto) la criminalità sembra avere preso di mira il territorio. Se a questo si sommano i furti in appartamento e in negozio, così numerosi che ormai nemmeno si denunciano più (ed è per questo che le statistiche ufficiali parlano di numeri in linea con altri territorio, ma la realtà percepita per strada non è così…), non c’è da stare tranquilli. L’ultimo assalto stamattina, in pieno centro, a poche centinaia di metri dal Comune. A mezzo chilometro, più o meno, dal Commissariato. Segno di una sfrontatezza che sta superando il livello di guardia

Quattro italiani, due uomini e due donne, sono entrati verso le 9.15 nella gioielleria Cose italiane in piazza Grassi a Fiumicino, fingendosi clienti.  Una volta enrati, sono saltate fuori le pistole. I commessi e due clienti presenti sono stti costretti ad andare nel retrobottega, e lì sono stati chiusi. A quel punto i rapinatori con tutta calma hanno preso i gioielli presenti nelle vetrine e il contenuto della cassaforte, dandosi poi alla fuga su un’auto e su una motocicletta.

A chiamare i carabinieri sono stati poco dopo i proprietari di un bar vicino, allertati dalle urla delle persone chiuse nel retrobottega. Particolare non da poco: i rapinatori hanno agito a volto scoperto e senza guanti, evidentemente sicuri di non essere riconosciuti in zona (oppure – al contrario – totalmente alle prime armi, ma la dinamica del colpo non sembrerebbe propendere per questa seconda ipotesi). Com’era ovvio, infatti, al vaglio degli investigatori i ora c’è video delle telecamere di sicurezza e le impronte digitali rinvenute. A quanto si apprende i ladri sono scappati su un’automobile Fiat Punto e su una moto.
Ang.Per.

Più informazioni su