Seguici su

Cerca nel sito

Coldiretti Latina, uno sportello per i giovani imprenditori

Viola: "I mancati pagamenti degli aiuti rischiano di compromettere l’avvio di attività agricole innovative e di qualità"

Più informazioni su

Il Faro on line – Coldiretti Latina continua, dopo l’incontro in regione delle settimane scorse, il pressing per le richieste dei giovani agricoltori che, purtroppo, sono ancora senza certezze. Nei giorni scorsi il direttore, Saverio Viola, ha preso parte a diversi incontri organizzati in diverse zone del territorio pontino per fare il punto della situazione. “Al di là degli impegni assunti dall’Assessore alle politiche agricole della Regione Lazio, Sonia Ricci – ha detto Viola – abbiamo il dovere e il compito di tutelare i nostri imprenditori e, per questo, abbiamo attivato dei veri e propri sportelli dove stiamo raccogliendo il materiale da sottoporre in Regione. I mancati pagamenti degli aiuti ai giovani rischia – aggiunge Viola –  di compromettere l’avvio di attività agricole innovative e di qualità, essenziali per dare un futuro al modello di sviluppo dell’agricoltura pontina e laziale.

Coldiretti non intende che il futuro dei giovani agricoltori sia messo a rischio da prassi burocratiche che poco hanno a che fare con il lavoro di imprese innovative e vitali”. L’organizzazione agricola sta verificando  se supportare la propria attività anche mediante un’azione legale per tutti quei giovani che, pur avendo diritto al pagamento del premio, non dovessero trovare riscontro positivo, col passare dei mesi, subendo danni irreparabili all’attività agricola che hanno avviato”.

Viola definisce poi quantomeno inopportuno disattendere le legittime aspettative di quasi 300 giovani imprenditori situati in una graduatoria come soggetti ammissibili ma non finanziati per mancanza di fondi, emanando un nuovo bando per l’insediamento di giovani agricoltori”. I giovani sono una priorità di questa provincia – ha detto ancora Viola  dall’insediamento di aziende innovative e di qualità dipende il futuro dell’agricoltura dei nostri territori”.

 

Più informazioni su