Seguici su

Cerca nel sito

Analisi Arpa sulla schiuma bianca a Fiumicino: non emergono pericoli per la salute

Le analisi batteriologiche effettuate non hanno evidenziato pericoli per i bagnanti. I risultati, tuttavia, contrastano con l'ultimo rapporto di Legambiente sulle acque del litorale laziale

Più informazioni su

Il Faro on line – In relazione al fenomeno di schiuma bianca verificatosi sul litorale di Fiumicino, la sezione provinciale di Roma dell’ARPA Lazio ha effettuato un campionamento l’11 luglio e ha svolto le relative analisi di laboratorio.”I risultati, già trasmessi alle autorità competenti – Afferma il comunicato di ARPA – evidenziano assenze di fioriture di fitoplancton tossico; le analisi batteriologiche effettuate ai fini della balneabilità non hanno evidenziato valori di concetrazione superiori a quelli previsti dalle norme e l’acqua risulta idonea alla balneazione”.

L’evento, secondo le analisi effettuate dall’Agenzia, è dovuto alla presenza nell’acqua di sostanze “tensioattive di origine naturale”, la cui caratteristica è quella di “abbassare la tensione superficiale dei liquidi” favorendo la formazione di schiume.

I risultati piuttosto “ottimisti” presentati dall’Agenzia, tuttavia, vanno a contrastare con quelli pubblicati sull’ultimo rapporto di Legambiente in occasione della campagna 2014 di “Goletta Verde”.
Secondo L’associazione, infatti, Fiumicino risulterebbe tra le dieci località più inquinate del Lazio a causa dell’altissima concentrazione – soprattutto all’interno delle acque adiacenti alla foce del Fiume Tevere –  di “escherichia coli ed enterococchi intestinali”, e tutto ciò a causa di un vero e proprio “deficit di depurazione”: sono stati infatti individuati, su tutto il territorio litoraneo, numerosi scarichi non depurati adeguatamente da parte delle Amministrazioni.
G.C. 

Più informazioni su