Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Italia pigliattutto, a Parigi. Oro senior e argento under 21, nel kata. Il capitano Tocco: “Abbiamo fatto la differenza, nell’esperienza”

Non solo medaglie dalle atlete. Anche la classe maschile primeggia. In finale, solo i karateka azzurri

Più informazioni su

Italia pigliattutto, a Parigi. Oro senior e argento under 21, nel kata. Il capitano Tocco: “Abbiamo fatto la differenza, nell’esperienza”

Il Faro on line – C’è stata una finale tutta italiana, a Parigi. Le meraviglie del kata azzurro si sono mostrate, ai migliaia di appassionati, che nella domenica finale del torneo di karate, fra i più affascinanti al mondo, hanno assiepato gli spalti dello Stade Pierre De Coubertin.

E’ stata la categoria maschile a comandare e nell’incontro conclusivo, destinazione oro, ci sono stati loro. Solo loro. Gli atleti della Nazionale italiana. Classe senior ed under 21. Presente e futuro del kata italiano. Ma, tuttavia, una convivenza importante e preziosa, che nel gennaio 2017, ha portato ben due medaglie, al palmares tricolore.

E’ stata un’Italia pigliattutto in Francia, allora. La squadra senior formata da Alessandro Iodice, Mattia Busato ed Alfredo Tocco si è confrontata con i propri compagni di karategi, Gianluca Gallo, Giuseppe Panagia e Samuel Stea. Un festival del kata italiano si è esibito in tecniche ed armonia, sul tatami centrale ed alla fine, a vincere l’oro, sono stati i fratelli maggiori della Nazionale A. I karateka della formazione B hanno messo al collo un argento, che sa di impegno e determinazione. E di duro lavoro, anche. Prossimamente, nel mese di febbraio, proprio Gallo, Panagia e Stea saranno impegnati agli Europei Giovanili di Sofia e la Premier League di Parigi è stata preziosa per testare forma e carattere, sotto i riflettori. Anche per i campioni di Parigi, Busato, Tocco e Iodice, la competizione francese è da considerare una importante tappa di avvicinamento, ai Campionati Europei di Turchia, in calendario nel mese di maggio. In questo modo, il capitano Tocco descrive il torneo parigino: “Possiamo ritenerci soddisfatti, perché abbiamo disputato una gara affrontata anche con un pizzico di esperienza”. Quando la forma non è al top, sapere come muoversi, affrontare ed agire sul tatami, è risolutivo. Tutta la preparazione dell’intera Nazionale di karate si sta perfezionando, in un cammino che culminerà proprio a Samsun: “Siamo in una fase di preparazione finalizzata all’Europeo – ha continuato a spiegare, Tocco, come indicato nel comunicato diffuso dalla Ale Piva Productionle sensazione direi, sono state ottime”.

Nel primo torneo internazionale dell’anno, hanno partecipato oltre 1500 atleti ed il percorso verso l’oro, della Nazionale A, è stato molto impegnativo. Anche Alfredo lo sottolinea, descrivendo la presenza delle squadre europee più forti. Francia e Spagna hanno una storia importante, nel kata continentale. Sono tante le medaglie vinte da esse. Nella finale, anche l’Italia. Una delle formazioni continentali più forti sul tatami. Un test azzurro, in un altro test tricolore che si testano a vicenda per primeggiare, nel mondo.

Prima degli Europei senior in Turchia però, il calendario prevede ancora tante battaglie di preparazione. A metà marzo, si svolgerà la seconda tappa della Premier League a Rotterdam, in seguito ci sarò l’Open di Dubai e di Rabat in aprile. Ed ecco infine, gli Europei di maggio.

Ed il kata azzurro è pronto ancora a vincere. Senior ed under 21.

Più informazioni su